Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 741
MODICA - 21/04/2010
Cronache - Modica: il rogo ha raggiunto anche una cabina elettrica dell’Enel. Black out per circa 2 ore

Modica: 2 auto bruciate vicino alla casa d´accoglienza

La tragedia è stata scongiurata dall’intervento dei vigili del fuoco
Foto CorrierediRagusa.it

Due auto completamente distrutte, una cabina elettrica dell’Enel danneggiata e la facciata di una casa d’accoglienza completamente annerita, con gli ospiti che hanno vissuto momenti di panico. Tra loro e gli altri residenti, per fortuna, nessun ferito. E’ il bilancio dell’incendio di probabile origine dolosa verificatosi poco prima della mezzanotte di ieri nel popoloso quartiere del Santissimo Salvatore, alle spalle di corso Umberto I, nel cuore del centro storico. Le fiamme si sono sprigionate da una Fiat Uno parcheggiata in un piccolo piazzale, lungo via Carlo Papa, a due passi dalla chiesa del Santissimo Salvatore.

Le fiamme hanno poi raggiunto un vicino fuoristrada Suzuki e una cabina elettrica dell’Enel. L’intero quartiere è piombato nel buio più assoluto mentre le fiamme divampavano alte, lambendo la facciata della casa d’accoglienza «Don Puglisi», che ospita alcune ragazze madri con i loro bimbi. Sono stati proprio gli operatori della casa a chiamare i vigili del fuoco, che sono subito intervenuti dalle strade da via De Leva, la strada che collega il quartiere con il corso.

Non si è reso necessario far evacuare la zona perché le fiamme sono state spente in poche decine di minuti. Le auto sono comunque andate distrutte. La polizia, intervenuta assieme ai pompieri, non avrebbe rinvenuto tracce evidenti di liquido infiammabile che possano accertare senza ombra di dubbio l’origine dolosa. A questo proposito non si esclude che le fiamme possano essere state originate da un corto circuito sprigionatosi dal vano motore della Fiat Uno, anche se l’ipotesi del dolo resta la più accreditata. L´illuminazione pubblica è stata ripristinata in un paio d´ore.

(Nella foto di Maurizio Melia le 2 auto incendiate. TUTTI I DIRITTI RISERVATI, RIPRODUZIONE VIETATA)