Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1052
MODICA - 10/04/2010
Cronache - La Guardia di Finanza inchioda i titolari di due ricevitorie del centro storico

Modica: scommesse mordi e fuggi e scatta la denuncia

Ai controlli le due agenzie sono risultate abusive e senza i previsti requisiti

Scommesse mordi e fuggi. L’insolita velocità con cui gli scommettitori entravano ed uscivano da due ricevitorie nel centro storico della città ha insospettito gli uomini del comando della Guardia di Finanza.

I controlli hanno accertato che le due ricevitorie erano abusive perché non in regola con le autorizzazioni previste dalla vigente normativa. In apparenza i due locali hanno operato in modo regolare senza dare adito ad alcun sospetto ma le indagini della Guardia di Finanza ha evidenziato gravi violazioni di legge. I titolari delle due attività sono stati pertanto denunciati alla procura della Repubblica presso il tribunale di Modica e tutta l’attrezzatura informatica utilizzata per le giocate on line è stata sequestrata.

Dai controlli operati dalle Fiamme Gialle è emerso che i tanti clienti che si sono recati negli ultimi mesi presso le due ricevitorie operavano in modo molto celere; la velocità delle giocate è stata infatti favorita dalla mancata comunicazione degli estremi del conto di gioco da parte degli scommettitori. I giocatori infatti sono tenuti per legge ad aprire un proprio conto prima di procedere alle scommesse; il conto deve essere intestato e sottoscritto con tutti i dati personali per garantire la trasparenza ed il rispetto della legalità.

Nei due centri invece le giocate sono passate attraverso conti di gioco di persone diverse dagli effettivi scommettitori e nel caso specifico del titolare dell’esercizio, grazie dunque ad una intermediazione che è vietata dall’autorità di polizia e dai Monopoli di Stato.