Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1149
MODICA - 06/04/2010
Cronache - Modica: è accaduto in contrada Violicci

"Pranzo" pasquale dei randagi: sbranati 7 pecore e 2 agnelli

Residenti terrorizzati per i continui attacchi del branco

Sette pecore e due agnelli; è questo il "pranzo" pasquale consumato da un branco di cani in contrada Violicci. E’ stato il titolare di una azienda agricola ad accorgersi proprio nella mattinata di pasqua che i cani avevano fatto scempio nel recinto dove custodisce il suo gregge.

Ancora una volta i cani si sono limitati ad azzannare gli animali ed hanno lasciato i resti all’interno del recinto. E’ scattato così l’allarme in tutta la contrada ed in quella vicina di Bosco visto che i cani sono stati avvistati in qualche campo ed in un caso si sono avvicinati ad un altro casolare pur se sono stati allontanati dai padroni di casa con le brutte maniere. Hanno indotto il comando della polizia municipale a mettere in guardia i residenti ed i titolari delle aziende agricole di quattro contrade; in particolare in contrada Violicci, Bosco, Lupo, S. Giurgiuzzu e Fasana.

Si tratta di zone abitate ed in questi giorni le presenze sono aumentate grazie a quanti hanno aperto le case di campagna per trascorrere le vacanze pasquali. Sono stati gli stessi residenti a segnalare al comando dei vigili urbani alcuni branchi di cani che si aggirano anche nottetempo nelle contrade segnalate. La squadra speciale anti randagismo ha monitorato per tutta la giornata di pasqua la situazione anche se nessuno intervento è stato finora portato a buon fine. Il comando ha tuttavia allertato la società specializzata nella cattura dei randagi per essere pronta all’intervento.

La prima misura è stata l’installazione di gabbie in punti strategici delle varie contrade per custodire subito gli animali una volta catturati. Gli animali sono stati visti muoversi in branco lungo alcuni sentieri vicino alla strada ma sono poi improvvisamente scomparsi. Risulta pertanto difficile la loro localizzazione per cui il comando dei vigili ha allertato i residenti perché sia osservata la massima prudenza. Già nelle scorse settimane in contrada Lupo e S. Giurgiuzzu sono stati avvistati i randagi che hanno consumato alcuni attacchi ad ovili annessi a delle masserie.