Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 791
MODICA - 04/04/2010
Cronache - Modica: l’incidente si è registrato all’alba del giorno di Pasqua in contrada Torre Rodosta

Modica: 19enne grave dopo uno schianto autonomo all´alba

Il giovane era alla guida di una Renault Scenic della quale ha perso il controllo, sbattendo contro il muro di cinta e capottandosi. Ora è ricoverato a Catania
Foto CorrierediRagusa.it

Si trova ricoverato in prognosi riservata al Cannizzaro di Catania un giovane di 19 anni (in origine era stata diramata l´età di 30), A.A., di Modica schiantatosi all´alba del giorno di Pasqua contro il muro di cinta (nella foto ciò che ne resta) di una casa in contrada Torre Rodosta, nelle campagne modicane.

L´incidente autonomo si è registrato intorno alle 5. Per cause da accertare, il giovane ha perso il controllo dell´auto, una Renault Scenic sulla quale viaggiva da solo, capottando e finendo la folle corsa contro il muro di cinta di un´abitazione privata. Immediati i soccorsi, dopo l´allarme lanciato dai residenti, svegliati dal forte boato. Se non fosse stato per l´immediato intervento del proprietario della casa, che ha spento le fiamme sprigionatesi dall´auto utilizzando il tubo dell´acqua per l´irrigazione, il giovane sarebbe di certo morto carbonizzato.

L´auto sarebbe anche potuta scoppiare a causa del carburante contenuto nel serbatoio, causando una tragedia nella tragedia. Per fortuna, grazie alla sua prontezza di spirito, il residente ha spento il principio d´incendio, scongiurando il peggio.

I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare in maniera alacre con la fiamma ossidrica per liberare il corpo esanime del giovane dalle lamiere contorte di ciò che restava della Scenic.

Il 19enne è stato subito condotto a bordo dell´ambulanza del 118 al pronto soccorso del Maggiore di Modica diretto dal primario Carmelo Scarso. Dopo un primo ricovero in rianimazione, si è reso subito necessario il trasferimento nel nosocomio del capoluogo etneo in elisoccorso a causa delle gravissime condizioni cliniche.

Pare che il giovane abbia riportato un forte trauma cranico, con emorragia cerebrale, oltre ad un trauma toracico addominale. Nelle prossime ore il 19enne dovrebbe essere sottoposto ad una delicata operazione chirurgica. Al momento la sua vita è appesa ad un filo, attaccata alle macchine della rianimazione dell´ospedale di Catania. I rilievi sono stati effettuati dai Carabinieri.