Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1008
MODICA - 21/03/2010
Cronache - Modica: la donna assassinata dal marito sulla collina dell’Idria

Una tribuna sul luogo dell´omicidio di Maria Concita

La stradina che costeggia il cimitero è diventata in queste ore meta di quanti hanno voluto lasciare un omaggio Foto Corrierediragusa.it

Nel luogo dell’omicidio, dove Orazio Toscano ha lasciato il corpo senza vita di Maria Concita Russo prima di andare a costituirsi, parenti e amici della vittima hanno creato un piccola tribuna. La stradina che costeggia il cimitero è diventata in queste ore meta di quanti hanno voluto lasciare un omaggio in memoria di Maria. Foto, tantissimi fiori, e decine di messaggi. Il volto sorridente della donna stride in quel luogo dove, invece, ha trovato la più orribile delle morti. Quella strada che Orazio Toscano aveva scelto per parlare in tranquillità nella privacy della Toyota Yaris nuova di concessionaria, che il marito intendeva regalare alla moglie per il compleanno.

Toscano, che anelava a ricomporre i cocci di un rapporto oramai andato in pezzi, si è invece lasciato sopraffare dalla rabbia e dal rancore scaturito dal rifiuto della donna, uccidendola con una violenza incontrollata, propria di chi è del tutto fuori di sé. Adesso, laddove il corpo senza vita di Maria è giaciuto per troppe ore in una notte da incubo, ci sono fiori e messaggi a testimoniare il fatto di sangue, facendo da cornice al sorriso di quella donna che amava la vita alla quale è stata strappata via all’improvviso da chi ancora, in fondo, sentiva d’amarla ancora.

Intanto l’uxoricida, reo confesso davanti al magistrato, resta in una cella del carcere di Modica Alta, dove pare si sia chiuso in un mutismo pressoché assoluto, dopo essersi confessato con il cappellano della casa circondariale. Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato l’arresto subito dopo le oltre due ore d’interrogatorio.

Il difensore Salvatore Poidomani, che ha già nominato un perito di parte che affianchi quello della procura, richiederà nei prossimi giorni un perizia psichiatrica che stabilisca se il suo assistito, in quei tragici attimi, fosse del tutto in grado di intendere e di volere.

(Nella foto il luogo dell´omicidio dove familiari e amici hanno creato una piccola tribuna in memoria di Maria Concita, con fiori e messaggi. TUTTI I DIRITTI RISERVATI - VIETATA LA RIPRODUZIONE)