Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 934
MODICA - 06/03/2010
Cronache - Modica: è scattata la denuncia per un modicano di 55 anni

60 tonnellate di rifiuti in un terreno del Polocommerciale

La discarica a cielo aperto è stata scoperta dalla Guardia di finanza Foto Corrierediragusa.it

Le Fiamme gialle hanno rinvenuto di tutto all’interno di una discarica abusiva del quartiere Sacro Cuore , nei pressi del Polocommerciale. Le oltre 60 tonnellate di materiale vario, tra cui eternit, amianto e pneumatici usati, tutta roba altamente inquinante, erano di proprietà di A.B., 55 anni, di Modica. L’uomo è stato denunciato per aver disatteso le normative in materia ambientale e, soprattutto, per aver messo a rischio la salute dei cittadini e degli animali che allevava in mezzo al ciarpame tossico.

L’uomo aveva trasformato in una discarica a cielo aperto un terreno di circa 3mila metri quadrati una vera e propria discarica a cielo aperto. I militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Ragusa, in collaborazione con i funzionari dell’Assessorato Provinciale Territorio e Ambiente, hanno rinvenuto diverse decine di carcasse di automobili, rottami metallici di vario genere per circa 60 tonnellate, migliaia di componenti in plastica, centinaia di pneumatici usati, oltre 200 chili di amianto in lastre, batterie esauste di automezzi ed elettrodomestici in disuso, tutto materiale in completo stato di abbandono.

L’uomo allevava peraltro, in pessime condizioni igieniche, 13 cani e 10 cavalli che i veterinari dell’Asp 7 di Ragusa, distretto di Modica, hanno controllato e trovato, comunque, in buone condizioni di salute, contestando solo alcune violazioni di carattere amministrativo al proprietario del fondo. Per le violazioni in materia ambientale, i finanzieri hanno invece proceduto al sequestro del sito ed alla denuncia a piede libero del responsabile, al quale sono stati lasciati in custodia gli animali.