Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 942
MODICA - 10/10/2009
Cronache - Modica: udienza preliminare per la vicenda del dipendente assenteista

Consorzio di bonifica: rinvio a giudizio per Bruno Arrabito

Prosciolti cinque tra dirigenti e funzionari accusati di favoreggiamento

Un dipendente rinviato a giudizio, cinque tra dirigenti e funzionari prosciolti. Si è chiusa in questi termini l’udienza preliminare della vicenda relativa al consorzio di bonifica, che culminò, nell’ottobre 2007, nell’arresto di un dipendente da parte della Guardia di Finanza. Si tratta di Bruno Arrabito, che il gup Maurizio Rubino ha rinviato a giudizio con l’accusa di truffa in danno della pubblica amministrazione. Stando a quanto accertato dalle Fiamme gialle, l’imputato si sarebbe assentato spesso dal posto di lavoro, dopo aver strisciato il badge.

Per i cinque dirigenti e funzionari, accusati di favoreggiamento per aver coperto le assenze del dipendente durante l’orario di lavoro, il magistrato ha stabilito il non doversi procedere perché il fatto non costituisce reato. Si tratta dell’attuale vice sindaco di Ragusa Giovanni Cosentini, all´epoca direttore generale. Stessa sentenza per Ignazio Emmolo e Silvio Conti, Giuseppe Scarso e Giuseppe Arezzo. I fatti si riferivano ad un periodo compreso tra il primo aprile del 2004 e l’ottobre 2007.

Il dipendente, colto in flagranza, avrebbe dichiarato ai militari che si stava allontanando dal consorzio, durante l’orario di lavoro, per recarsi in ospedale a Modica per un controllo, visto che avrebbe sofferto di ipertensione. Secondo le fiamme gialle, dirigenti e funzionari si sarebbero limitati a semplici richiami al dipendente, che si sarebbe allontanato dal posto di lavoro anche in altre occasioni. Un mese dopo essere stato scoperto dalla Guardia di finanza, l´uomo fu licenziato con effetto immediato. Il gip all´epoca non ritenne sussistessero i presupposti per il mantenimento della custodia cautelare e dispose la remissione in libertà dell’imputato.