Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1040
MODICA - 12/11/2007
Cronache - Modica - Entro un mese sarà fissata l’udienza preliminare

Inchiesta "Diplomi facili":
indagini concluse.
Gli indagati sono circa 70

Ipotesi di reato: associazione a delinquere finalizzata alla truffa Foto Corrierediragusa.it

Dopo oltre due anni, si sono concluse ieri le indagini sui cosiddetti «diplomi facili». Gli inquirenti hanno difatti terminato di vagliare le singole posizioni degli studenti coinvolti nei presunti casi di compravendita dei titoli di studio. Anche il perito nominato dalla Procura aveva qualche giorno fa depositato gli esiti degli accurati controlli su ogni singolo diploma e su tutti gli incartamenti. Sono circa una settantina gli iscritti nel registro degli indagati, compresi alcuni docenti, dirigenti e funzionari scolastici.

L’ipotesi di reato prospettata è quella di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, alla frode ed alla formazione di atti pubblici privi di valore legale. La data dell’udienza preliminare sarà fissata entro un mese. Le indagini si sarebbero concentrate in particolare sull’istituto scolastico paritario «Marconi» di Vittoria, dove pare siano stati più numerosi gli studenti che avrebbero messo mano al portafogli piuttosto che ai libri per ottenere il diploma di geometra o ragioniere. Solo pochissimi casi invece al «Gentile» di Vizzini e all’»Europa» di Modica. Proprio in quest’ultimo istituto sarebbero stati individuati tutti i sette candidati privi dei requisiti per l’ammissione agli esami.