Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1140
MODICA - 29/09/2009
Cronache - Modica: imputato un modicano di 43 anni che risiedeva nel quartiere del Santissimo Salvatore

Condanna a 9 anni per un presunto pedofilo modicano

La pena esemplare è stata inflitta dal giudice per le udienze preliminari

Nove anni di carcere sono stati inflitti dal giudice per le udienze preliminari del tribunale di Modica al presunto pedofilo che risiedeva nel quartiere del Santissimo Salvatore. L’uomo, un modicano di 43 anni, condannato con il rito abbreviato, doveva rispondere di sette episodi di violenza sessuale in danno di altrettanti bambini. L’imputato, rinchiuso da oltre un anno nel carcere di Enna, fu arrestato dalla polizia nell’estate 2008, in base alle accuse mossegli da un bambino.

Stando a quanto riferito agli investigatori, il piccolo sarebbe stato attirato con l’inganno nell’abitazione del presunto orco, dove quest’ultimo si sarebbe mostrato eccessivamente prodigo di attenzioni, fino a rasentare il morboso. Il piccolo, capita l’antifona, riuscì a darsela a gambe, raccontando tutto ai genitori, che si recarono in commissariato. Poche ore dopo scattò l’arresto. In udienza preliminare, il sostituto procuratore contestò al presunto pedofilo altri sei casi di abusi sessuali su minori, che sarebbero stati compiuti dall’imputato tra il 2003 e il 2008. Pare che il presunto pedofilo si appostasse nei pressi dell’oratorio del quartiere d’Oriente per scegliere le sue vittime. In un caso, sarebbe stato un piccolo immigrato a cadere nella rete dell’orco.

Tornando all’episodio scatenante, il bambino sarebbe riuscito a divincolarsi con le sue sole forze dal presunto orco che, dopo averlo invitato a casa sua, avrebbe manifestato intenzioni poco rassicuranti. Il bimbo, nonostante l’uomo tentasse di bloccarlo, sarebbe riuscito a correre via, aprendo la porta dell’appartamento del presunto orco per tornare in lacrime dai suoi genitori, dove avrebbe raccontato la disavventura. Colui che era un amico fidato, un adulto che conosceva da tempo e che era in confidenza con i suoi stessi genitori, si sarebbe all’improvviso trasformato in un mostro.

La famigliola era venuta in città per trascorrere un breve periodo di vacanza, essendo residenti in Germania. Avevano ritrovato parenti ed amici, tra cui l’insospettabile modicano di 43 anni, che sarebbe stato descritto come una persona di fiducia e dall’irreprensibile comportamento. Il presunto pedofilo è stato altresì condannato dal giudice al pagamento di oltre 30mila euro tra multa e provvisionali da liquidare alle parti civili.