Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1164
MODICA - 17/09/2009
Cronache - Modica: l’uomo, originario di Catania, viveva da tempo a Marina

Cade e muore sul colpo il 73enne Giuseppe Cultrera

Proprio nella sua abitazione di via Cristoforo Colombo, la vittima giaceva prona sul pavimento macchiato di sangue

Era malato da tempo e per curarsi assumeva dei farmaci che, come effetto collaterale, gli causavano dei capogiri. Una di queste perdite d’equilibrio è risultata fatale al pensionato Giuseppe Cultrera, 73 anni, originario di Catania ma da anni residente a Marina di Modica. Proprio nella sua abitazione di via Cristoforo Colombo, la vittima giaceva prona sul pavimento macchiato di sangue.

La macabra scoperta è stata compiuta ieri, poco dopo mezzogiorno, da un amico di Cultrera, che, in possesso delle chiavi di casa, era entrato nell’appartamento, preoccupato per non avere più ricevuto notizie da circa 24 ore dall’amico, che non rispondeva nemmeno al telefono. Superato lo stato di shock, l’uomo ha chiamato il 112. Nell’appartamento sono altresì arrivati il procuratore e il medico legale. Quest’ultimo, dall’ispezione cadaverica, ha ricostruito una sommaria dinamica dell’incidente domestico mortale.

In base alla posizione del cadavere, è stato ipotizzato che Giuseppe Cultrera sia stato colto da un improvviso giramento di testa, perdendo l’equilibrio e sbattendo la testa contro un corpo contundente, forse lo stipite di un mobile, nel vano tentativo di darsi aiuto. L’urto violento ha aperto una profonda ferita alla testa di Cultrera, che ha subito perso i sensi. Il poveretto è poi morto a causa dell’emorragia, che, forse, se fermata in tempo utile, non sarebbe risultata fatale. Ma Giuseppe Cultrera, già insegnante di musica, viveva da solo.

I Carabinieri hanno avvisato i familiari, ai quali sarà riconsegnata la salma, che si trova adesso nel’obitorio dell’ospedale «Maggiore». Non è escluso che si possa procedere con l’autopsia, anche se l’ispezione cadaverica pare non lasci dubbi sulla dinamica della tragedia. Pare che Giuseppe Cultrera avesse assunto i medicinali, come ogni giorno, poche ore prima della fatale caduta.