Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1194
MODICA - 14/08/2009
Cronache - Modica: l’arresto è stato operato dai Carabinieri a Siracusa

Modica: borsaiolo maldestro ai domiciliari

Il netino Salvatore Carbone, "in trasferta" dall’aretuseo, aveva preso di mira i clienti dei supermercati di Modica e Marina di Modica Foto Corrierediragusa.it

Un borsaiolo «in trasferta» tanto perseverante quanto maldestro. L’ostinatezza di Salvatore Carbone (nella foto) nel tentare di sottrarre i portafogli dei clienti dei supermercati di Modica e Marina di Modica gli è alla fine costato l’arresto. Carbone, 53 anni, netino, non nuovo ad episodi del genere, era finito nel mirino dei Carabinieri dopo le denunce sporte dalle mancate vittime. In particolare le signore si erano sempre accorte in extremis dei tentativi di Carbone d’infilare le mani nelle loro borsette durante l’attesa alla cassa.

E così mentre le clienti porgevano la spesa alla cassiera, il netino tentava di approfittare dei momenti di distrazione per dileguarsi con il contante. Ma agli altri clienti non sfuggiva l’atteggiamento sospetto del borsaiolo, che, puntualmente, andava via con un rimbrotto, ma a mani vuote. Tuttavia qualche colpo era riuscito a Carbone, a carico del quale si erano nel frattempo accumulate le denunce, tanto da spingere i militari diretti dal capitano Alessandro Loddo ad indirizzare le indagini nell’aretuseo.

Grazie alla descrizione fornita dai testimoni, i Carabinieri hanno alla fine individuato Salvatore Carbone a Siracusa, dove sono scattate le manette per il reato di borseggio, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Modica, alla luce delle prove raccolte dai militari. Al netino sono stati concessi i domiciliari nella sua abitazione, in attesa del processo direttissimo.