Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 782
MODICA - 13/08/2009
Cronache - Modica: incidente autonomo mercoledì sera nei pressi del viadotto Guerrieri

Modica: grave un motocliclista di 35 anni, è in rianimazione

Il modicano viaggiava in sella alla sua moto "Ducati" di grossa cilindrata quando, per cause da accertare, ne ha perso il controllo

E’ ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione del «Maggiore» un modicano di 35 anni, R.M., rimasto vittima mercoledì sera, poco prima delle 20, di un incidente autonomo nei pressi del ponte Guerrieri, lungo la statale 115, dalla parte di contrada Piano Ceci. Il centauro stava viaggiando in sella alla sua moto «Ducati» di grossa cilindrata quando, per cause da accertare, ne ha perso il controllo, finendo sull’asfalto.

C’è mancato poco che si consumasse l’ennesima tragedia della strada: lo sfortunato motociclista stava difatti per essere arrotato da un’auto che lo seguiva. Il guidatore ha fatto in tempo a frenare e si è di conseguenza registrato solo un tamponamento a catena fra tre auto, senza conseguenze per gli automobilisti e solo con qualche danno ai mezzi. Non altrettanto fortunato il centauro, che indossava il casco protettivo. Un accorgimento, che, con buona probabilità, gli ha evitato il decesso sul colpo.

Subito condotto in ambulanza al pronto soccorso, i medici si sono resi conto della gravità delle condizioni del motociclista, politraumatizzato e con fratture multiple. Danni non gravissimi sono stati riscontrati anche alla testa, nonostante l’utilizzo del casco. Il modicano, che subito dopo l’incidente e fino al momento del ricovero era ancora cosciente, si trova adesso attaccato alle macchine. Nonostante non sia in pericolo di vita, i medici preferiscono non sciogliere la prognosi, in quanto le condizioni cliniche della vittima permangono comunque gravi.

Come spesso accade quando si registrano incidenti stradali, la circolazione veicolare lungo il ponte Guerrieri è rimasta paralizzata per oltre un’ora, con ripercussioni anche in altre zone della città. Le code d’auto sono state fatte defluire con la circolazione a senso unico alternato. I rilievi sono stati effettuati dalla Polstrada e dai Carabinieri.