Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1134
MODICA - 30/07/2009
Cronache - Modica: bottino di 10mila 500 euro per il malvivente solitario

Modica: rapina all´hard discount di via Sacro Cuore

Il rapinatore si è fatto consegnare il contante dai cassieri sotto la minaccia di una pistola, forse un’arma giocattolo. Aveva il volto coperto dal casco integrale. Indagini condotte dai Carabinieri

Ha fruttato un bottino di ben 10 mila 500 euro la rapina messa a segno da un malvivente solitario mercoledì pomeriggio, intorno alle 13.45, nell’hard discount di via Sacro Cuore. Il rapinatore è penetrato dal retro del supermercato, senza togliersi il casco integrale di colore nero, con il quale ha celato il volto. Sotto la minaccia di una pistola, forse un’arma giocattolo priva del tappo rosso di protezione, il malvivente si è fatto consegnare dal responsabile il contante, poi è fuggito in moto. Un’azione fulminea portata a compimento con sangue freddo e determinazione.

Le indagini sono condotte dai Carabinieri, sotto le direttive del capitano Alessandro Loddo. I posti di blocco istituiti sul territorio non hanno finora dato nessun esito e sono ben pochi gli elementi a disposizione dei militari. Nessun testimone ha difatti assistito alla rapina. Stando alle indicazioni fornite dal responsabile del discount, il rapinatore era di corporatura normale e decisamente agile, il che lascia supporre che fosse di giovane età.

Il malvivente, che teneva sicuramente sotto controllo da qualche tempo il supermercato, ha atteso l’orario di chiusura per agire, quando la struttura era pressoché deserta. Non è ancora chiaro se il rapinatore fosse a conoscenza o meno del fatto che il sistema d’allarme del discount non fosse attivo. Anche se la vittima ha visto un solo malvivente, non è escluso che quest’ultimo possa aver agito con l’aiuto di un complice, magari un basista che gli ha preparato il terreno affinché la rapina fosse compiuta in maniera rapida e senza imprevisti.