Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 635
MODICA - 30/07/2009
Cronache - Modica: si tratta del sorvegliato speciale S.M.

Modica: denunciato l´autore del rogo al circolo "Rizza"

Il modicano appiccò l’incendio per vendicarsi del proprietario, con il quale aveva avuto un piccolo battibecco qualche giorno prima

E’ stato individuato e denunciato dalla polizia all’autorità giudiziaria il presunto piromane che, in una notte d’inizio luglio, appiccò le fiamme ai danni della sede del circolo ricreativo «Orazio Rizza» di piazza San Giovanni a Modica Alta. Si tratta del sorvegliato speciale S.M. Il modicano deve rispondere di danneggiamenti, incendio e furto aggravato, oltre che di minacce e inosservanza degli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale.

Stando alle indagini della polizia, il modicano appiccò l’incendio al circolo per vendicarsi del proprietario, con il quale aveva avuto un piccolo battibecco qualche giorno prima. S.M., che si era recato al circolo per incontrarsi con alcuni suoi amici, violando in tal modo il regime di sorveglianza speciale al quale era sottoposto, si era scontrato verbalmente con il gestore del circolo per futili motivi. Pare che il sorvegliato speciale, in un impeto d’ira, dichiarò al suo antagonista che gliel’avrebbe fatta pagare cara. E di lì a poco il modicano avrebbe difatti messo in atto le sue minacce. Il malvivente penetrò nel locale dopo aver forzato la porta d’ingresso, rubando pochi spiccioli e qualche bottiglia di birra. Poi appiccò l’incendio. Poco prima dell’alba le fiamme cominciarono a divampare all’interno e all’esterno del circolo.

I danni furono tutto sommato contenuti: il fuoco finì con il rovinare il portone d’ingresso e qualche mobile, annerendo la facciata. Gli investigatori rinvennero inequivocabili prove a sostegno della tesi del dolo: tracce di liquido infiammabile i resti di un contenitore di plastica. Le successive indagini, avvalorate dalle testimonianze raccolte in queste settimane, ha condotto gli agenti sulla pista del sorvegliato speciale, per il quale è scattata solo la denuncia, e non anche l’arresto, data la trascorsa flagranza. Pare che il sorvegliato speciale abbia negato d’essere il piromane, ma per la Polizia S.M. resta «fortemente indiziato» dei reati.