Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1160
MODICA - 25/07/2009
Cronache - Modica: operazione di controllo del territorio della Polizia

Ladro di Cagliari arrestato a Marina di Modica

Le manette sono scattate per il 27enne Ivano Todde. A Scicli arrestati tre tunisini clandestini e denunciato un sciclitano
Foto CorrierediRagusa.it

Un ladro originario di Cagliari è stato arrestato dalla Polizia a Marina di Modica per tentato furto. Ivano Todde, 27 anni, si era introdotto nottetempo nell’alloggio del custode della delegazione municipale del comune di Modica. Svegliato dai rumori, il custode ha gridato, mettendo in fuga il ladro.

Questi si era nascosto all’interno di una garage, poco distante dall’auditorium Mediterraneo. La Polizia, in servizio di controllo del territorio, tramite le testimonianze ha subito individuato il fuggitivo, che, vistosi scoperto, ha inveito contro gli agenti. Le manette sono così scattate anche per il reato di violenza e lesioni ai poliziotti. Per l’irascibile Todde è poi scattata anche una denuncia per il danneggiamento dell’auto di servizio con la quale è stato condotto nel carcere di Modica Alta.

ARRESTATI 3 TUNISINI CLANDESTINI A SCICLI E DENUNCIATO UNO SCICLITANO DI 50 ANNI
Tre tunisini clandestini di età compresa tra i 34 e i 25 anni sono stati arrestati dalla Polizia a Scicli per la violazione della legge Bossi – Fini in materia d’immigrazione clandestina. Nonostante fossero stati tutti e tre colpiti dal decreto d’espulsione dal territorio italiano emesso dal Prefetto di Ragusa, i tunisini si erano trattenuti in provincia in stato di clandestinità, continuando ad abitare in un monolocale di Scicli. Il proprietario dello stabile, uno sciclitano di 50 anni, è stato denunciato per aver favorito la permanenza dei tre clandestini, locando loro in nero il monolocale.