Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1096
MODICA - 20/07/2009
Cronache - Salgono a 2 i casi di febbre suina in provincia. Dipasquale scrive a Russo

Anche una 14enne di S. Croce colpita dal virus H1 N1

Una giovane di Vittoria è invece risultata positiva al virus H3 N2, derivante dall’H1 N1, ma meno insidioso. Le autorità sanitarie tranquillizzano: la situazione è sotto controllo
Foto CorrierediRagusa.it

In poche ore sono saliti a due in provincia di Ragusa i casi di virus H1 N1 (nella foto), noto come «febbre suina». I sintomi del virus sono stati riscontrati ad una ragazza di 14 anni residente a Santa Croce Camerina. Gli esami hanno dato esito positivo: la ragazza era stata colpita dal virus in Inghilterra, dove vi si era recata per una vacanza.

Come già avvenuto per la 39enne di Rosolini, la ragazza di Santa Croce è stata subito dimessa e spedita a casa in isolamento domiciliare per almeno 5 giorni, durante i quali sarà sottoposta ai trattamenti antivirali del caso.

Una giovane di Vittoria, dopo gli accertamenti clinici, è invece risultata positiva al virus H3 N2, derivante dall´H1 N1, ma meno insidioso.

L’Ausl 7 minimizza e rassicura: «E’ tutto sotto controllo – si affretta a precisare il dottore Giuseppe Ferrera, responsabile del servizio di epidemiologia – dal momento che i due casi sono stati isolati per tempo e gli esami ai quali sono state sottoposte le persone venute a contatto con le due donne sono risultati negativi al virus influenzale».

Dello stesso tenore le dichiarazioni del direttore sanitario dell’ospedale modicano Raffaele Elia e del primario del reparto di infettivologia del "Maggiore" di Modica Antonio Davì, i quali puntualizzano che «Non è il caso di allarmarsi più di tanto perché i reparti di infettivologia di Ragusa e Modica sono stati già dotati da tempo dei test necessari per individuare il virus e isolarlo in tempo utile, proprio come è avvenuto con la signora, adesso in convalescenza nella sua abitazione».

IL SINDACO DI RAGUSA DIPASQUALE SCRIVE ALL´ASSESSORE REGIONALE ALLA SANITA´
«Come si sta preparando la Regione Siciliana ad affrontare l´ arrivo della nuova influenza H1 N1, prevista per l´autunno?». E´ l´interrogativo che si pone il Presidente della Conferenza dei Sindaci della provincia di Ragusa, Nello Dipasquale il quale, con un´apposita nota, chiede all´Assessore Regionale alla Sanità, Massimo Russo quali siano le misure che l´Ente regionale intende adottare in caso di pandemia.

«Esiste o è già allo studio - chiede Nello Dipasquale al rappresentante del Governo dell´Isola - un piano di programmazione regionale di risposta alle emergenze infettive, redatto dai tecnici dell´Assessorato alla tutela della salute e sanità che tenga conto delle linee guida nazionali e di quelle dell´Organizzazione mondiale della sanità?». «In caso di emergenza - chiede ancora il primo cittadino - è stata prevista un´organizzazione di strutture specifiche e sono stati definiti compiti e ruoli di chi dovrà intervenire per fronteggiare la pandemia».

«In altre regioni d´Italia, come ad esempio in Piemonte, continua nella sua nota Dipasquale - è già stato approntato già un piano regionale d´intervento; in Sicilia cosa si è fatto e come si intende operare per non trovarci completamente impreparati?».