Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 699
MODICA - 15/07/2009
Cronache - Modica: scontro tra un motociclo e un autocarro in via Modica - Giarratana

Incidente in contrada Mauto, stava per scapparci il morto

Prognosi riservata per un 22enne originario del Venezuela. Contusione ad una spalla per il conducente dell’autoveicolo

Anche stavolta poteva scapparci il morto. Il ragazzo di 22 anni coinvolto nell’incidente di mercoledì mattina in contrada Mauto, lungo la via Modica – Giarratana, proprio dinanzi al «Palarizza», resta ricoverato in prognosi riservata nel reparto di chirurgia dell’ospedale «Maggiore», ma, per fortuna, non è in pericolo di vita.

Il giovane, J.R.T.M., originario del Venezuela, viaggiava in sella al suo motociclo «Ducati», che, per cause da accertare, si è scontrato con un autocarro «Renault» condotto dal modicano C.G., 56 anni. Quest’ultimo ha riportato solo una leggera contusione alla spalla destra, guaribile in una settimana. I rilievi sono stati effettuati dalla Polizia municipale, alla quale spetterà il compito di accertare l’esatta dinamica dell’incidente, che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi.

Lo scontro è stato difatti piuttosto violento, e il giovane centauro è stato sbalzato un paio di metri più avanti rispetto al punto d’impatto. Con buona probabilità il giovane di origini venezuelane deve la vita al casco protettivo, che ha attutito il colpo alla testa. Immediato l’allarme lanciato dagli stessi residenti e dagli automobilisti di passaggio. In pochi minuti l’ambulanza della vicina postazione del «118» ha condotto il ragazzo in ospedale, dove i medici del pronto soccorso si sono subito resi contro delle gravi condizioni cliniche.

I valori sono stati comunque subito stabilizzati e il successivo ricovero in chirurgia ha scongiurato ogni pericolo. I due automezzi, come da prassi, sono stati posti sotto sequestro, al fine di accertare eventuali responsabilità.