Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 657
MODICA - 10/07/2009
Cronache - Modica: la polizia ha arrestato Paolo Cancellieri e Orazio Sampietro

Modica: 2 topi d´appartamento comisani in manette

I due ladri avevano preso di mira una villetta di contrada Mauto. I prorpietari li hanno messi in fuga ma gli agenti li stavano già pedinando
Foto CorrierediRagusa.it

Due ladri comisani in trasferta sono finiti in manette per mano della Polizia, dopo essere stati messi in fuga dagli stessi inquilini della villetta di contrada Mauto che avevano intenzione di svaligiare. Paolo Cancellieri e Orazio Sampietro (da sx nella foto) non sarebbero comunque riusciti nel loro intento criminoso, visto che le loro mosse erano tenute sotto controllo dagli investigatori. Paolo Cancellieri, 60 anni, pregiudicato con una lunga fedina penale composta 40 pagine di reati quali furti e rapine, era colui che, dopo aver spiato la villetta, vi si era introdotto forzando la tapparella della persiana della camera da letto, al pianterreno.

La luce in casa era spenta, ma i proprietari non erano fuori. Allarmati dai rumori provocati dal ladro, gli inquilini hanno acceso la luce della stanza, facendo scattare Cancellieri come una molla. Il ladro se l’è data a gambe senza portare via nulla, raggiungendo Orazio Sampietro che lo attendeva in auto. I due avevano imboccato la via Loreto Gallinara in direzione Ragusa, quando due volanti della Polizia li hanno bloccati e arrestati per tentato furto in concorso. Nel bagagliaio della «Lancia Dedra» di colore scuro di Cancellieri i poliziotti hanno rinvenuto cesoie, forbici per la potatura, coltelli da innesto ed altri attrezzi atti allo scasso, oltre al paio di guanti di lana che Cancellieri aveva indossato per non lasciare impronte.

Diverse segnalazioni erano giunte in commissariato sull’auto scura a bordo della quale viaggiavano i due comisani, che era stata avvistata in diverse zone della città mentre percorreva le strade a passo d’uomo. I due ladri difatti controllavano in maniera certosina le zone prese di mira, studiando le abitudini dei proprietari delle case da svaligiare. Ma stavolta ai due comisani è andata buca. La Polizia ritiene che i ladri siano gli autori di gran parte dei furti in appartamento compiuti negli scorsi mesi in svariate zone del Modicano, anche in centro storico.

Le perquisizioni domiciliari nelle rispettive abitazioni a Comiso di Cancellieri e Sampietro hanno tuttavia dato esito negativo. I poliziotti non escludono però che il bottino sia stato nascosto altrove, anche se i due ladri hanno rigettato le accuse. La dirigente del commissariato, il vice questore aggiunto Maria Antonietta Malandrino, ha rimarcato «la pronta risposta della Polizia al fenomeno dei furti in casa, senza bisogno di ricorrere a ronde o vigilantes. Basta solo – ha detto la Malandrino – la collaborazione dei cittadini con le forze dell’ordine». Non a caso, i proprietari della villetta presa di mira avevano telefonato in commissariato per lanciare l’allarme. Ma la polizia era già sul posto, dopo aver individuato l’auto sospetta segnalata dai residenti.