Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 264
MODICA - 04/07/2009
Cronache - Modica: 5 gli imputati tra dirigenti, funzionari comunali e il legale rappresentante di un’azienda

Gestione spazzatura, si va verso l´unificazione dei processi

L’accusa è di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al peculato

Si tenterà il 5 novembre l’unificazione dei due processi sulla gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani in città, che interessano complessivamente sei imputati. E’ quanto deciso dal gup Patricia Di Marco che, al fine di accertare se esistano i presupposti per la connessione oggettiva dei due procedimenti preliminari, ha rinviato al prossimo autunno il procedimento di ieri a carico di cinque imputati tra dirigenti, funzionari comunali e il legale rappresentante di un’azienda per associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al peculato.

Si tratta dell’allora dirigente del settore ecologia Maria Nero e di coloro che la sostituirono nell’incarico, vale a dire Anita Portelli e Francesco Paolino. E poi ancora l’allora funzionario e responsabile dell’ufficio ecologia Virgilio Polara, nonché Gregory Bongiorno, responsabile, proprietario e rappresentante legale dell’Agesp, l’azienda di Castellammare del Golfo che fino al 31 dicembre 2006 gestì a Modica il servizio di igiene ambientale. Ai cinque imputati vengono contestati 19 capi d’imputazione riconducibili a sette truffe e altrettanti episodi di peculato che, stando alle indagini svolte dalla Guardia di Finanza, sarebbero stati commessi tra metà 2001 e l’intero 2006.

Questo procedimento, come accennato, potrebbe essere accorpato con l’altro che vede imputati sempre Anita Portelli, e l’imprenditore Giuseppe Busso, titolare dell’Associazione temporanea d’imprese Busso – Ecosì. Entrambi gli imputati sono accusati di abuso d’ufficio, peculato e frode in pubbliche forniture, sulla base delle prove raccolte dalle Fiamme gialle e in ordine alla gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani nel 2007 e nei primi mesi del 2008. Sono 18 gli episodi contestati.