Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 295
MODICA - 03/07/2009
Cronache - Modica: piano straordinario di pagamento

Modica: 3 milioni di euro per saldare i fornitori

Il percorso individuato è il primo del genere in provincia

Tre milioni di euro per pagare i fornitori e dare respiro alle aziende fornitrici del comune. L’amministrazione intende così mettere in azione il piano straordinario di pagamento ai fornitori grazie ad un protocollo di intesa siglato sotto l’egida della prefettura di Ragusa, del sindaco e degli istituti di credito interessati.

Il percorso individuato è il primo del genere in provincia e potrebbe essere di riferimento per gli altri comuni così come ha sostenuto in sede di tavolo tecnico il vice prefetto vicario, Donatella Ferrera. L’amministrazione prevede di chiudere le pratiche di pagamento entro trenta giorni dall’accordo formalizzato con il creditore, che dovrà dal suo canto rinunciare agli interessi maturati ed alle spese legali. Il pagamento avverrà in due fasi; una prima quota entro un mese ed una successiva, stabilita anticipatamente per il saldo. L’impresa avrebbe così la possibilità di cedere il credito avendo una dichiarazione da parte della banca di una somma certa liquida ed esigibile e con pagamento a data fissata.

Questa formula sarà applicata a piccoli e medi fornitori che da anni attendono di essere pagati mentre per i creditori istituzionali, Enel, Telecom, comuni, circa dieci milioni di debito, si prevede un piano di ammortamento triennale. « Con la costruzione di questo tavolo di lavoro – commenta il Sindaco- si dà inizio ad un’esperienza importante che rientra in quella politica di risanamento finanziario che è oggi al centro degli interessi di questa amministrazione. Stiamo acquistando in credibilità e fiducia da parte degli imprenditori dopo anni di dissennata politica finanziaria che ha deteriorato il rapporto con le piccole e medie imprese cittadine che sono tessuto sociale ed economico di eccellenza per la Città .»