Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 894
MODICA - 14/04/2009
Cronache - Modica: giro di vite della compagnia di Modica

Modica: multe dei Carabinieri agli automobilisti indisciplinati

I dati, purtroppo, testimoniano che i modicani alla guida di auto e moto sono degli autentici trasgressori

Una città di trasgressori. E il capitano Alessandro Loddo chiede a tutti di essere più disciplinati e rispettosi delle regole.

Il comandante della compagnia dei carabinieri di Modica fa riferimento ai numeri delle contravvenzioni elevate dai suoi uomini e tira alcune conclusioni dopo che per il primo trimestre di quest’anno i carabinieri sono stati impegnati in una azione di controllo e prevenzione sui comportamenti quotidiani degli automobilisti. Le pattuglie dei carabinieri sono stati impiegate nei siti strategici del traffico in città, corso Umberto, via S. Cuore, via Risorgimento,sulle vie di accesso e di uscita del centro urbano, sulla Modica mare.

I risultati parlano di sessanta contravvenzioni per omesso uso del casco e di 200 per mancato uso delle cinture di sicurezza, 50 per l’uso del cellulare per un totale di quasi mille contravvenzioni. Dati in crescita se rapportati rispetto allo scorso anno anche se bisognerebbe a questo punto verificare se altrettanto intenso è stato nello stesso periodo del 2008 il controllo sulle strade. I carabinieri non si sono tuttavia limitati soltanto alle infrazioni più comuni ma hanno anche agito sul fronte del parcheggio selvaggio.

Occupazione degli spazi per i disabili, sosta sui marciapiedi, sosta in doppia fila sono il tipo di infrazioni rilevati con maggiore intensità e che sono stati perseguite ricorrendo in molti casi non solo alla sanzione ma anche alla rimozione forzata con l’autogrù.

I modicani, emerge dalla statistica elaborata dal capitano Loddo, sono anche smemorati perché spesso e volentieri lasciano i documenti di riconoscimento e di proprietà del veicolo a casa ed incorrono così in ulteriori sanzioni.