Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 755
MODICA - 07/04/2009
Cronache - Modica: la sentenza del giudice monocratico del tribunale

Modica: assolti dalle accuse Gaia e Ruggiero Cascino

Con la formula perchè il fatto non sussiste nel processo direttissimo
Foto CorrierediRagusa.it

Sono stati entrambi assolti perché il fatto non sussiste Gaia Cascino, 28 anni, e il fratello Ruggiero, di 24 (nella foto). I due modicani erano stati arrestati circa un mese fa dalla polizia per produzione e traffico di sostanze stupefacenti. I due imputati erano già stati scarcerati da qualche settimana, su decisione del giudice Giovanna Scibilia, che, ieri mattina, ha deciso per la doppia assoluzione dei Cascino, nell’ambito del processo per direttissima celebratosi con il rito abbreviato, al quale non si è opposto il pm Veronica Di Grandi.

Stando alle indagini della Polizia, i due giovani coltivavano due piante di cannabis in una mini serra impiantata nella camera da letto della loro casa di Modica Alta, dove abitano assieme alla madre. «Le piante di cannabis – ha dichiarato in aula l’avvocato difensore Vincenzo Iozzia – avevano appena tre mesi di vita e non presentavano neanche un fiore, vale a dire l’elemento che contiene un principio attivo appena apprezzabile. Il legale ha dunque sostenuto che le foglie delle due piante sarebbero risultate sufficienti solo alla preparazione di pochi spinelli per l’uso personale, tesi evidentemente condivisa anche dal giudice.

NELLA GALLERIA SOTTO LA FOTO DELLE PIANTE DI CANNABIS COLTIVATE IN CAMERA DA LETTO. CLICCATECI SOPRA PER INGRANDIRLA

Le rigogliose piante di cannabis coltivate dai due giovani arrestati e poste sotto sequestro dalla Polizia