Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 881
MODICA - 29/03/2009
Cronache - Modica: in manette è finita Fortunata Crescimone

Modica: truffatrice arrestata dai Carabinieri

Determinante la collabprazione dei commercianti raggirati Foto Corrierediragusa.it

Cade nella rete dei Carabinieri una donna di 40 anni, agrigentina. Fortunata Crescimone (nella foto) è stata arrestata dai militari dell’arma per truffa, messa in circolazione di banconote false e contraffazione di targa. Nel mirino di Fortunata Crescimone, già nota alle forze dell’ordine per reati simili, sono finiti alcuni commercianti della parte alta della città dove la donna da qualche tempo ha agito usando sempre lo stesso metodo.

Dopo essere entrata nel negozio, possibilmente in assenza di altri clienti, la donna chiedeva di acquistare qualcosa di poco conto e pagava con banconote di grosso taglio. I commercianti si sono accorti della truffa solo quando hanno presentato le banconote all’incasso in banca mentre la donna ha continuato ad agire in diversi negozi di Modica Alta. L’ultimo colpo nella tarda mattinata di sabato ai danni di un fioraio dove la donna ha acquistato un mazzo di fiori da cinque euro presentando una banconota da cento.

Ricevuti 95 euro di resto la Crescimone ha continuato il suo giro per i negozi di Modica Alta; stavolta però ci sono stati i carabinieri della compagnia di Modica ad attenderla anche se la Crescimone ha cercato di far perdere le sue tracce; l’identificazione della macchina la cui targa la donna aveva provveduto a contraffare per nascondere la sua identità si è rilevata decisiva. La perquisizione personale nei confronti della Crescimone ha anche consentito di trovare alcune buste sigillate con dei fogli bianchi che probabilmente erano pronte per qualche altra truffa. La collaborazione dei commercianti e dei residenti di Modica Alta si è rivelata fondamentale perché i Carabinieri, coordinati dal capitano Alessandro Loddo, potessero identificare e fermare l’’autrice di tante truffe.