Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1188
MODICA - 06/02/2009
Cronache - Modica - Sono 91 gli imputati del procedimento dinanzi al gup

Intoppo in udienza preliminare, slittano i "diplomi facili"

Un errore nelle notifiche delle conclusioni delle indagini ha determinato la remissione degli atti al pubblico ministero
Foto CorrierediRagusa.it

Falsa partenza al tribunale di Modica (nella foto) per il procedimento in udienza preliminare incentrato sui cosiddetti «diplomi facili». Un’irregolarità nei documenti di notifica di conclusione delle indagini ai 91 imputati ha vanificato l’avvio dell’udienza preliminare prevista per ieri mattina dinanzi al gup Patricia Di Marco. L’eccezione è stata sollevata dallo stesso pubblico ministero Maria Mocciaro, al quale sono stati rimessi gli atti per procedere alle nuove notifiche agli interessati, stavolta scevre da errori.

Il caso dei «diplomi facili» scoppiò in maniera eclatante in occasione degli esami di maturità 2005 negli Istituti tecnici commerciali parificati «Europa» di Modica, «Marconi» di Vittoria e «Gentile» di Vizzini. Gli imputati sono 30 studenti e 61 tra dirigenti, amministratori, dipendenti, collaboratori dei tre istituti e 24 docenti membri delle tre commissioni degli esami di stato. Per i commissari, accusati di avere ammesso candidati che avevano frequentato solo pochi giorni durante l´anno scolastico, e in qualche caso di avere violato il limite del numero massimo consentito per ogni commissione, l’accusa è quella di abuso d´ufficio.

Più pesante il reato contestato agli amministratori unici della società che gestiva gli istituti di Modica e Vittoria, e di quella che gestiva l´istituto di Vizzini: associazione per delinquere finalizzata «alla consumazione di un numero indeterminato di delitti contro la pubblica amministrazione e la fede pubblica». Il procedimento dovrebbe a questo punto partire tra un paio di mesi.