Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 18 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 0:44
MODICA - 08/02/2018
Cronache - Un punto di riferimento per tutti con i suoi mitici "gelati e granite"

Addio a Don Giugginu ´re gelati sabato nella chiesa di S. Maria

Da qualche tempo non era più in buona salute Foto Corrierediragusa.it

Ha distribuito gelati ad almeno 4 generazioni di modicani: ora se n´è andato in punta di piedi, dopo oltre mezzo secolo di onorata attività itinerante con il suo inconfondibile camioncino bianco. Don Giugginu ´re gelati non c´è più. Si è spento nel tardo pomeriggio di giovedì all´ospedale Maggiore di Modica, dove era stato ricoverato circa 24 ore prima. I funerali saranno celebrati sabato, alle 15, nella chiesa di Santa Maria. Da tempo non si vedeva più in giro. Con lui scompare un pezzo della storia della Modica che fu. Chi non ha almeno una volta nella vita assaggiato le granite di Don Giugginu e i suoi coni da passeggio, attirato dal clacson del suo furgone bianco (foto) e dalla sua inconfondibile "vociata" che metteva subito di buonumore, pregustando le sue bontà.

Don Giugginu, al secolo Giorgio Di Rosa, aveva 86 anni, almeno 60 dei quali dedicati alla sua amata attività di gelataio ambulante, e da una vita abitava con la moglie nella sua casa del quartiere Vignazza, in via Fontana, nel cuore antico di Modica, che fungeva anche da laboratorio per la preparazione del gelato. Don Giugginu è stato anche il protagonista di "Gelati e Granite", documentario diretto da Ivano Fachin sulla vita, le abitudini e i paesaggi di un uomo diventato una delle icone di Modica.