Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 25 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 12:52
MODICA - 07/02/2018
Cronache - La droga sequestrata pesa complessivamente 58 grammi

La cocaina nascosta nel peluche: arrestati dalla polizia 2 modicani

Lo stupefacente, se immesso nel mercato illegale dello spaccio, avrebbe fruttato fino a 15.000 euro Foto Corrierediragusa.it

Sono stati trovati dalla polizia in possesso di 58 grammi di cocaina, di cui alcuni nascosti a casa, in un peluche: per questo motivo gli agenti hanno proceduto con l´arresto di Antonio Sigona, 37 anni, già noto agli archivi delle forze dell´ordine, e Giancarlo Poidomani, di 28, incensurato, entrambi di Modica. Oltre alla droga i 2 detenevano materiale per la suddivisione in dosi dello stupefacente. I due a bordo di un´auto, non si erano fermati ad un posto di controllo della polizia istituita nei pressi del cimitero comunale di contrada Sant´Antonio Piano Ceci. L´arrivo dei rinforzi ha consentito ai poliziotti di bloccare l´auto in fuga dopo poche centinaia di metri. A questo punto i 2 hanno tentato di disfarsi di un involucro, gettandolo fuori dalla macchina, ma tale azione non è sfuggita agli agenti, che lo hanno recuperato immediatamente, constatando che conteneva la cocaina.

Gli agenti hanno quindi perquisito anche la macchina e le case dei due modicani. Nell’abitazione di Poidomani gli agenti hanno trovato un involucro di cellophane nascosto dentro un peluche contenente altra cocaina ed un bilancino di precisione, utilizzato per la suddivisione in dosi della droga. La sostanza stupefacente complessivamente sequestrata, che, come accennato, pesava circa 58 grammi, avrebbe fruttato per i due spacciatori un ingente guadagno ammontante ad oltre 15.000 euro, se immessa nell´illegale mercato dello spaccio al minuto. I due sono dunque stati dichiarati in stato di arresto in flagranza di reato per detenzione di stupefacente ai fini di spaccio e rinchiusi nel carcere di Ragusa, dove si trovano tutt’ora rinchiusi, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto operato dalla polizia.