Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1065
MODICA - 14/11/2008
Cronache - Modica - Un uomo e 2 donne denunciati dalla Polizia

Presi i 3 ladri di dolciumi
del colpo al "Bar del Viale"

Sono stati "traditi" dalle merendine. Il bottino era di 7mila euro Foto Corrierediragusa.it

Un "peccato di gola" costato una denuncia ciascuno da parte della Polizia a tre ladri ghiottoni. Si tratta di un uomo e due donne che circa una settimana fa si erano introdotti nel corso della notte all´interno del "Bar del Viale" di via Conceria portandosi via, ironia della sorte, l´impianto di video sorveglianza, il modesto contante in cassa varie leccornie, alcune delle quali consumate in loco per rifarsi della "faticaccia". Il bottino complessivo ammontava a circa 7 mila euro.

Le due ladre e il complice erano penetrati nel bar dopo aver forzato la porta del locale attiguo, dal quale avevano praticato un foro nella parete divisoria in cartongesso.

Nonostante i malviventi si fossero portati via anche l´impianto di video sorveglianza, non lasciando quindi modo di poter visionare le immagini riprese dal sistema a circuito chiuso, sono state le merendine a "tradire" i ladri golosi. Confezioni ancora integre di una determinata marca di dolciumi sono state difatti rinvenute dai poliziotti in casa di M.R., 22 anni. Consequenziale la denuncia per lui, per la moglie L.C., 23 anni e per la sorella di quest´ultima L.V. di 29 anni.

Era stato il gestore del bar ad indirizzare i poliziotti sulla pista giusta, nutrendo sospetti su R.M. che proprio qualche giorno prima aveva effettuato dei lavori nel locale, avendo quindi modo di poterlo "studiare" per il colpo. I tre ladri traditi dalle merendine avrebbero ammesso i loro peccati di gola e la merce, o meglio, quel che ne resta, è stata restituita al titolare del bar assieme al sistema di video sorveglianza.