Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 18 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 0:44
MODICA - 18/01/2018
Cronache - Ad essere truffati di 1.500 euro una donna e i suoi 2 figli

Si spacciava per manager ma truffava il prossimo

I 2 soggetti avevano già compiuto truffe analoghe Foto Corrierediragusa.it

Si spacciava per manager di supermercati e, assieme ad una complice, prometteva falsi posti di lavoro: nella rete della coppia di truffatori erano caduti pure una donna di Modica e i suoi 2 figli, che hanno denunciato la vicenda in commissariato. Tutto ha avuto inizio verso la fine di dicembre 2017, allorquando la donna veniva agganciata telefonicamente da un sedicente manager di una grossa azienda di supermercati operante in centri commerciali del territorio ibleo il quale, promettendo l’assunzione della donna e dei suoi due figli in un supermercato di Modica, iniziava a richiedere somme di denaro da versare tramite ricarica Postepay. La vittima inconsapevole iniziava pertanto, a più riprese, a versare denaro sul conto fornito dai truffatori, sempre con la falsa promessa dell’assunzione.

In soli sei giorni, attraverso versamenti di 300 e 200 euro, si era raggiunto un ammontare complessivo erogato di quasi 1.500 euro. Dopo l’ultimo versamento il sedicente manager è diventato irreperibile. A questo punto la donna, insospettitasi, si era recata nel supermercato dove sarebbe dovuta essere assunta, e qui ha fatto l’amara scoperta della inesistenza della ricerca di collaboratori da parte della struttura e che il soggetto con cui aveva interloquito risultava sconosciuto al personale del supermercato.

Alla vittima non è rimasto altro da fare che sporgere denuncia alla polizia. Le rapide indagini svolte dagli uomini del commissariato di Modica hanno portato ad identificare i due truffatori di 35 anni e 50 anni, un uomo ed una donna, originari di Pozzallo ma residenti nel Lazio: a loro carico sono in corso accertamenti. I due risultano già noti per reati analoghi commessi a Frosinone, Imperia, Viterbo e altri centri ancora, avendo già in passato millantato ruoli di potere e promesso false assunzioni.