Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 26 Aprile 2018 - Aggiornato alle 0:35
MODICA - 21/12/2017
Cronache - I controlli dei militari in occasione delle festività

Arresti per droga e denunce per profumi

Interessati i territori di Ispica, Donnalucata e Pozzallo Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri della stazione di Ispica, nel corso di uno dei servizi a largo raggio predisposti dalla compagnia di Modica per garantire il sereno svolgersi delle festività natalizie, hanno arrestato in flagranza di reato Christian Salonia, 20 anni, ispicese per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, già agli arresti domiciliari, era controllato per via del sospetto viavai di giovani da casa sua. Dopo il blitz nell´appartamento i militari hanno trovato 300 grammi di marijuana. Al termine delle operazioni, il giovane è stato dunque ammanettato e sottoposto ai domiciliari. La droga, se immessa nel mercato illecito dello spaccio al minuto, avrebbe fruttato circa 3.000 euro.

I carabinieri della stazione di Donnalucata hanno intercettato un’auto sospetta con a bordo un giovane ragusano. La successiva perquisizione veicolare ha permesso ai militari dell’Arma di rinvenire una confezione di gelato con all’interno circa 100 grammi di marijuana già suddivisa in dosi e pronta per lo spaccio. L’uomo, di 37 anni, incensurato, è stato arrestato.

I carabinieri della stazione di Pozzallo hanno denunciato in stato di libertà alla procura due soggetti catanesi di 72 e 26 anni, padre e figlio, che tentavano di mettere in vendita numerosi profumi di marche di lusso contraffatti e di dubbia provenienza (foto). Nella bancarella improvvisata avevano già contattato diversi clienti cui stavano tentando di vendere i prodotti contraffatti, allorquando è scattato il blitz dei carabinieri. L’intera merce sequestrata ammonta a circa 5.000 euro. I due uomini sono stati denunciati per commercio di prodotti con segni falsi, ricettazione e frode in commercio.