Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Luglio 2018 - Aggiornato alle 9:38
MODICA - 14/12/2017
Cronache - Nel Canale di Sicilia sequenza sismica

14 scosse di terremoto in 6 giorni vicino al mare ibleo

Di queste 10 sono di magnitudo superiore a 2.0 e quattro di magnitudo superiore a 3.0 Foto Corrierediragusa.it

Sono ben 14 le scosse di terremoto che si sono originate al largo delle coste iblee dallo scorso 8 dicembre, giorno della festa dell’Immacolata, a giovedì. Una intensa settimana di terremoti in mare il più forte di cui si è verificato proprio giovedì scorso, con epicentro a 63 km da Modica e di magnitudo 3.9. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), quest’ultimo sisma ha avuto ipocentro a 10 km di profondità e, come accennato, epicentro in mare 63 km a sud di Modica. Non si segnalano danni a persone o cose. Altre 3 scosse dello sciame sismico si erano registrate tra le 2.26 e le 3.25, di magnitudo tra 2.1 e 3.7, sempre al largo delle coste iblee con epicentro Ragusa, Ispica, Scicli, Pachino e Siracusa. Già mercoledì altre due scosse erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13 con magnitudo 3.5 e 3.6. E’ quindi assodato come nel Canale di Sicilia sia in corso una sequenza sismica con le 14 scosse già registrate e di cui 10 di magnitudo superiore a 2.0 e quattro di magnitudo superiore a 3.0, fra cui i terremoti di magnitudo 3.9 e 3.7 avvenuti alle ore 2,13 e alle 2,59 della notte tra mercoledì e giovedì.

Secondo Eugenio Privitera, direttore dell’Osservatorio etneo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia «L´area del Canale di Sicilia è molto vasta e c’è un sistema di faglie molto complesso e poco conosciuto, generato dalla spinta della placca africana contro quella euroasiatica. In questo sistema – prosegue Privitera – ci sono due faglie che potrebbero essere collegate alla sequenza sismica in corso: la faglia di Scicli e quella di Capo Passero, ma ancora non è chiaro quale delle due sia legata a questi terremoti. Non si può dunque prevedere neanche l´evoluzione della sequenza e proprio per questo – conclude Privitera – non possiamo escludere che si verifichino altre scosse».

LA SCOSSA DI TERREMOTO DI MAGGIORE INTENSITA´
Ancora scosse di terremoto al largo del mare ibleo, stavolta con epicentro a 63 km da Modica. L’ultima di magnitudo 3.9 è stata registrata alle 2:13 della notte tra mercoledì e giovedì nel Canale di Sicilia. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 10 km di profondità e, come accennato, epicentro in mare 63 km a sud di Modica. Non si segnalano danni a persone o cose. Altre 3 scosse dello sciame sismico si erano registrate tra le 2.26 e le 3.25, di magnitudo tra 2.1 e 3.7, sempre al largo delle coste iblee con epicentro Ragusa, Ispica, Scicli, Pachino e Siracusa. Già mercoledì altre due scosse erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13 con magnitudo 3.5 e 3.6.