Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 22 Gennaio 2018 - Aggiornato alle 19:59 - Lettori online 688
MODICA - 17/11/2017
Cronache - Pena di 7 mesi di reclusione e 2 mila euro di risarcimento danni

Ruppe telecamere: condannato

L’uomo aveva confessato Foto Corrierediragusa.it

Sette mesi di reclusione e risarcimento danni per 2 mila euro, oltre al pagamento delle spese processuali. E´ la condanna inflitta dal giudice unico del tribunale di Ragusa Vincenzo Saito al marocchino, all´epoca dei fatti 21enne, che nel febbraio 2015, servendosi di una grossa pietra, aveva danneggiato le telecamere della videosorveglianza comunale installate in via Pellico, una delle aree del centro storico negli ultimi anni più a rischio microcriminalità. Gli impianti, però, erano rimasti parzialmente funzionanti, per cui il 21enne era stato inquadrato. Furono tre le telecamere danneggiate e messe fuori uso. La polizia individuò il giovane e lo denunciò per danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Il marocchino aveva motivato il proprio gesto riferendosi alla sua rabbia "Contro un paese che non gli aveva dato un lavoro". Nel processo l´imputato è stato difeso dall´avvocato Giovanni Favaccio, mentre il Comune di Modica, parte lesa, si era costituito parte civile con l´avvocato Miriam Dell´Ali.