Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 19 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:33 - Lettori online 701
MODICA - 30/10/2017
Cronache - Blitz della polizia

Cocaina nascosta nel telecomando al pub

Entrambi sono stati rimessi in libertà Foto Corrierediragusa.it

Giro di cocaina in un noto pub del centro storico di Modica: è l´esito delle indagini svolte dalla polizia che ha scoperto le dosi anche all´interno di un telecomando (foto). Le manette sono quindi scattate per il 43enne gestore del locale e per il cognato 27enne incensurato, suo collaboratore. Il locale era già da parecchio tempo nel mirino degli agenti del commissariato, alla luce delle numerose segnalazioni prevenute e de continuo viavai di giovani, anche solo per pochissimi minuti, neanche il tempo di una consumazione. A questo proposito veniva utilizzato un linguaggio in codice per chiedere le dosi. Un paio di assuntori sono stati così pizzicati dagli agenti, in servizio di controllo (anche in borghese) che hanno poi fatto irruzione nel locale, scovando la droga persino all´interno di un telecomando, nell´alloggiamento delle pile. Altre dosi sono state rinvenute all’interno di una interruttore elettrico che veniva aperto dalle persone arrestate mediante un avvitatore elettrico nascosto sotto il bancone. E’ stato proprio il rinvenimento di tale attrezzo nelle vicinanze dell’interruttore posto vicino al bancone a tradire i due e a svelare il nascondiglio.

Gli agenti hanno anche trovato un bilancino di precisione e materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi di cocaina. Tutto è stato posto sotto sequestro, così come il contante (190 euro) trovato addosso ad una delle persone arrestate e ritenuto essere provento dell’attività di spaccio, in quanto non era regolarmente custodito nella cassa. Il 43enne e il 27enne devono dunque rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, in concorso tra loro. Entrambi sono nel frattempo stati rimessi in libertà.