Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 15:50 - Lettori online 699
MODICA - 25/10/2017
Cronache - La sentenza del giudice monocratico Saito

Sei assoluzioni nel processo "Ecomostri"

I fatti si riferiscono al 2011 Foto Corrierediragusa.it

Tutti e sei assolti gli imputati nel processo sui cosidetti "ecomostri" di contrada Treppiedi a Modica (foto), finiti sotto inchiesta a seguito delle indagini successive all’abbattimento dei 3 "scheletri" in cemento armato avvenuto il 4 settembre 2011 a Treppiedi Nord. Il giudice monocratico del Tribunale di Ragusa, Vincenzo Saito, ha assolto perchè il fatto non sussiste Carmelo Cassarino, 76 anni, legale rappresentante della società e proprietario dell’area di cantiere di Modica in Contrada Treppiedi Nord; Stefania Cassariano, 51 anni, Direttore Tecnico dell’area di cantiere anzidetta; Salvatore Puccia, 56 anni, e Pietro Puccia, 49 anni, dipendenti dell’impresa, tutti modicani, difesi dall´avvocato Carmelo Scarso, e Ugo Lutri, 57 anni, e Angela Voi, 55 anni, coniugi sciclitani proprietari del terreno di Contrada Purromazza in territorio di Scicli, difesi dall´avvocato Francesco Riccotti. Secondo la pubblica accusa, che aveva chiesto la condanna ad un anno di reclusione per ognuno degli imputati, sarebbero state prodotte prodotte diverse tonnellate di macerie che, dopo le fasi di deposito temporaneo, avrebbero dovuto essere smaltite presso impianti all’uopo autorizzati.

Diversamente, in esito ad indagini della Polizia Provinciale di Ragusa, sarebbe stato accertato che la gestione dei materiali di risulta, rifiuti speciali inerti, non sarebbe avvenuta secondo le modalità di legge. Le indagini avevano riscontrato che, dopo una prima fase di frantumazione sul posto degli inerti, quantità considerevoli di materiale uscivano dal cantiere a bordo di pesanti automezzi e, piuttosto che essere avviate allo smaltimento e/o recupero presso gli impianti autorizzati, venivano trasportate e scaricate su terreni agricoli siti in Contrada Purromazza nel territorio di Scicli. Qui, con l’ausilio di una pala meccanica, gli inerti sarebbero stati distribuiti sull’area agricola, compattati e spianati con grave pregiudizio non solo dell’ambiente ma anche del paesaggio, tenuto conto anche che il vasto fronte di avanzamento dei cumuli di inerti aveva già investito e inglobato diversi alberi di carrubo.