Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 645
MODICA - 10/09/2017
Cronache - E’ successo in centro storico

Due giovani speronati da una macchina solo per una critica e poi picchiati dal guidatore e dalla moglie. Indignazione a Modica

Le vittime hanno sporto denuncia Foto Corrierediragusa.it

Sta suscitando sui social sgomento e indignazione l´incredibile episodio de due giovanissimi in scooter inseguiti, speronati e aggrediti da marito e moglie solo per essersi lamentati dei gas di scarico dell´auto sulla quale viaggiavano i coniugi. Protagonisti loro malgrado dell´aggressione un 18enne e una minorenne, che stavano percorrendo via Vittorio Veneto (foto) in sella ad uno scooter. Erano in fila con altri veicoli dietro ad un´auto il cui conducente continuava a dare gas al motore. Disturbati dai gas di scarico del veicolo, i due giovani hanno cercato di superare il mezzo che li precedeva. Quando ci sono riusciti, il 18enne alla guida dello scooter si è avvicinato al finestrino dell´auto facendo rilevare al conducente l´inutilità di pigiare insistentemente sull´acceleratore. Questa rimostranza, evidentemente, non è andata giù all´automobilista che ha inseguito lo scooter lungo via Vittorio Veneto e fino al Viale Medaglie d´Oro, dove, al momento opportuno, lo ha stretto con la fiancata dell´auto, speronandolo e facendo cadere a terra i due giovani in sella.

A questo punto, secondo quanto raccontato nella denuncia, l´auto ha accostato e da essa sarebbe scesa la moglie del conducente che avrebbe aggreddito con schiaffi e graffi la ragazza minorenne. Quindi sarebbe sceso anche l´automobilista che, a sua volta, avrebbe colpito con pugni alla testa lo scooterista, che, per sua fortuna, indossava il casco. La ragazzina, dal canto suo, e´ riuscita a divincolarsi dalla donna, rifugiandosi all´interno di un locale pubblico nelle vicinanze. Per fortuna, in quel frangente, e´ transitata una volante del commissariato. Gli aggressori, pensando che qualcuno avesse chiamato la polizia e che, dunque, la pattuglia non fosse lì per caso, sono risaliti in auto e si sono allontanati. Le due vittime hanno denunciato l´accaduto.