Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 11 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 23:21 - Lettori online 413
MODICA - 30/07/2017
Cronache - Alcuni dei presenti sono stati generalizzati

Pallonate in spiaggia: agenti accerchiati e spintonati

Il clima si sta facendo sempre più pesante a causa dello scarso senso civico Foto Corrierediragusa.it

La polizia locale sta indagando sull’episodio increscioso accaduto sabato pomeriggio in spiaggia a Marina di Modica, quando un grosso numero di giovani bagnanti ha accerchiato e minacciato due agenti. In precedenza alcune telefonate alla centrale operativa avevano lamentato la presenza di molti giovani intenti a giocare a calcio e a tamburelli in spiaggia, disturbando le persone che, in alcuni casi, erano state anche colpite dalle pallonate. Sul posto sono stati inviati due operatori della polizia locale che hanno accertato la presenza di ben sei campetti di calcio-tennis improvvisati sull´arenile e, pertanto, hanno intimato agli interessati di smettere di giocare tra i bagnanti. Il «messaggio» sembrava essere stato recepito, tant’è che i due operatori si erano allontanati per ulteriori controlli. Quando questi sono tornati nella zona, quasi in atteggiamento di sfida, i giovani hanno ripreso a giocare, per cui si è reso necessario intervenire nuovamente e «requisire» la palla.

A questo punto una cinquantina di giovani hanno cominciato a inveire contro il commissario e l’agente in servizio, apostrofandoli e, addirittura accerchiandoli. Alcuni dei giovani presenti sono stati invitati in ufficio per essere generalizzati, ma parecchi di loro si sono letteralmente dileguati, mentre altri hanno iniziato a spintonare i due tutori dell’ordine e uno è riuscito a riprendersi la palla e a fuggire. Una persona è stata generalizzata ma molte altre sono state riconosciute e alla luce di ciò si sta proseguendo con gli accertamenti.