Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 781
MODICA - 28/07/2017
Cronache - I controlli delle forze dell’ordine in contrada Catanese e nello Sciclitano

Terrore nelle campagne di Modica e Scicli a causa dei ladri scatenati

Un’auto sospetta è stata nel frattempo già individuata e fermata Foto Corrierediragusa.it

La polizia di Modica avrebbe già sottomano i primi sospettati della sequela impressionante di furti che in questi giorni hanno messo a ferro e fuoco gli impauriti ed esasperati residenti di contrada Catanese, popolosa zona rurale alle spalle della strada Modica Ispica. Gli agenti del commissariato di Modica hanno in questi giorni intensificato i sopralluoghi, dopo le denunce di quanti si sono visti depredare di ogni oggetto di valore in casa da ladri senza scrupoli. I malviventi hanno colpito con una frequenza impressionante, seminando insicurezza e terrore tra i residenti, che temono per l’incolumità dei propri bambini. Qualcuno ha pure organizzato delle ronde notturne.

Un’auto sospetta è stata nel frattempo già individuata e fermata dalla polizia, che sta svolgendo le necessarie indagini che potrebbero sfociare già dalla prossima settimana in risultati concreti, al fine di restituire serenità ai residenti, che si sentono letteralmente sotto assedio, al punto da non uscire di casa. I carabinieri sono invece impegnati anche sul fronte sciclitano, dove da alcune settimane diverse contrade rurali sono finite nel mirino di bande specializzate in furti all’interno di abitazioni, di aziende agricole e masserie. In particolare sono quattro le zone rurali saccheggiate: San Giovanni Lo Pirato, Cuozzu Carcarazza, Giliestro e Torre Palombo. I ladri agiscono sia di giorno che di notte con stupefacente determinazione e rapidità. Talvolta agiscono anche con i proprietari all’interno delle strutture prese di mira. Da alcune masserie è stato portato via un grosso quantitativo di formaggi, olio e altri prodotti ricavati dall’attività nelle campagne.

Si presume che il gruppo usi dei grossi mezzi, considerata la ingente quantità di merce trafugata. Non sono mancati i furti all’interno di aziende agricole da dove sono stati portati via attrezzi vari, motozappe, decespugliatori e persino sacchi di concime. Come accennato sono state prese di mira anche le abitazioni, dalle quali sono stati portati via piccoli elettrodomestici e generi alimentari. Anche in questo caso, come accade per contrada Catanese, i residenti, che hanno denunciato i fatti alle forze dell’ordine, hanno paura. Qualcuno, per il timore che i furti si ripetono, preferisce non dormire e stare davanti la porta a vigilare.