Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1279
MODICA - 22/07/2017
Cronache - I proprietari hanno dovuto spostare le loro imbarcazioni

"Sfrattate" 50 barche a Marina di Modica

Una fotocopia dell’ordinanza è stata fatta trovare su ogni singolo mezzo nautico Foto Corrierediragusa.it

Occupazione abusiva del suolo demaniale: per sanare questa situazione 50 titolari di altrettante barche ormeggiate al molto di Marina di Modica devono provvedere entro una settimana a rimuovere il loro mezzo. In caso contrario, recita l’ordinanza emanata dalla Capitaneria di porto di Pozzallo (foto), si procederà d’ufficio e le spese saranno addebitate ai titolari. Una fotocopia dell’ordinanza è stata fatta trovare su ogni singolo mezzo nautico ed i proprietari sono rimasti tra il sorpreso e l’incredulo. E’ stata una corsa a cercare informazioni e poi a trovare subito un posto dove trasferire le barche. C’è chi ha optato per Pozzallo, chi per Marina di Ragusa ed alcuni hanno invece deciso di sistemarle in garage in attesa di giorni migliori. La vertenza tra la Capitaneria e il comune di Modica è di lungo corso ed è rimasta irrisolta negli anni. L’area del molo è a tutti gli effetti demaniale e quindi di proprietà dello Stato e sotto la giurisdizione della Capitaneria.

Non può essere quindi occupata se non a fronte di un canone di una convenzione, o se il comune non regolarizza il passaggio dell’area tra quelle di sua proprietà. Un discorso avviato a suo tempo sull’onda di un ennesimo provvedimento del 2012 fa e poi rimasto senza sbocco. Le barche in questi anni sono state tollerate ma ora, nel centro della stagione estiva, è arrivata l’ordinanza e i diportisti dovranno provvedere. Cinque anni fa andò male ai diportisti che non rimossero le loro barche perché queste furono sequestrate dai carabinieri.