Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 16 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:14 - Lettori online 756
MODICA - 09/06/2017
Cronache - Sono intervenuti i carabinieri

Un 23enne morto carbonizzato

E’ stato disposto l’esame autoptico Foto Corrierediragusa.it

E´ morto carbonizzato nel tentativo di spegnere un banale incendio di sterpaglie il 23enne Marco Matarazzo (foto), di Rosolini, il cui cadavere è stato ritrovato da un pastore giovedì sera in aperta campagna, in contrada Palazzelle, al confine tra i territori di Rosolini, Modica e Ispica. Immediatamente sul posto sono intervenuti i militari di Rosolini ed il personale del Norm della compagnia di Noto che hanno proceduto a delimitare la zona ed a eseguire nell’immediatezza i rilievi tecnici del caso necessari per ricostruire la dinamica dei fatti. Dai primi accertamenti, e salvo ulteriori approfondimenti, appare verosimile che la vittima, disoccupato, mentre si stava recando con la propria auto in un terreno di proprietà della sua famiglia, abbia notato il rapido propagarsi dell´incendio di sterpaglie, sviluppatosi per cause accidentali in una appezzamento attiguo. Pertanto il giovane, al fine di evitare che l’incendio si propagasse ed interessasse anche il terreno di famiglia, si sarebbe adoperato per delimitarne la portata rimanendo, però, sopraffatto fiamme, alimentate anche dal forte vento, con un fitto fumo che avrebbe forse fatto perdere i sensi al giovane, subito avvolto dalle fiamme.

La salma, dopo l’ispezione cadaverica a cura del medico legale che ha escluso segni di violenza, è stata trasportata all’obitorio per il successivo esame autoptico, così come disposto dall’autorità giudiziaria nell´ambito dell´inchiesta avviata. Sono stati gli stessi militari ad avvisare la famiglia, con la quale il giovane viveva a Rosolini.