Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 23 Agosto 2017 - Aggiornato alle 17:25 - Lettori online 550
MODICA - 28/10/2016
Cronache - E’ successo giovedì sera sulla Siracusa Catania

Incidente per il professore Uccio Barone e la moglie

L’incidente è emblematico delle autostrade siciliane il cui stato preoccupa gli automobilisti Foto Corrierediragusa.it

Gallerie al buio in autostrada e il rischio incidenti aumenta in modo esponenziale. L’ultimo in ordine di tempo quello verificatosi nella serata di giovedì nella galleria Filippella, ormai entrata nella storia della Siracusa-Catania perché costantemente al buio, che ha coinvolto lo storico modicano Uccio Barone (foto), preside della facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania, e la moglie, Marisa Tumminello, che viaggiavano a bordo della loro Golf in direzione Siracusa e stavano percorrendo la galleria. La piena oscurità ha impedito di vedere in tempo la presenza di una macchina, che, a causa di un testa coda, era rimasta di traverso al centro della carreggiata. Inevitabile l’impatto con conseguente ribaltamento della Golf su cui viaggiavano i due coniugi modicani che sono stati salvati da airbag e cinture di sicurezza, e dal successivo intervento della Stradale che, dopo avere sfondato i vetri della Golf, ha aperto le portiere e tratto in salvo i due passeggeri, successivamente trasportati al pronto soccorso dell’ospedale di Lentini. Per fortuna solo qualche lieve trauma e qualche escoriazione per marito e moglie, che possono ritenersi davvero miracolati, come ha scritto lo stesso professore Barone, che parla di "miracolo divino", sulla sua pagina Facebook. Proprio sul popolare social network si susseguono i messaggi di sollievo e di pronta guarigione di parenti ed amici.

Ma l’incidente è emblematico di uno stato delle autostrade siciliane che non può soddisfare e certamente preoccupa quanti le devono percorrere. La situazione è peggiorata negli ultimi tempi perché dopo il ripristino dei cavi di rame rubati da bande organizzate ora i malviventi si sono concentrati anche sui cavi elettrici con gli effetti che si possono ben vedere e verificare e possono testimoniare le migliaia di utenti che utilizzano le autostrade per attraversare la Sicilia in lungo e in largo.

Molte volte non basta solo la prudenza ed un’andatura ragionevole perché il pericolo con il buio totale è sempre incombente. Le associazioni dei consumatori hanno chiesto nelle more che vengano ripristinati i sistemi di illuminazione segnalazioni ben visibili e dissuasori di velocità all’ingresso delle gallerie ma è quanto mai necessario ripristinare i sistemi con un intervento straordinario per non dovere registrare ancora fatti di cronaca preoccupanti che si aggiungono a mancate manutenzioni del fondo stradale e frequenti interruzioni delle carreggiate.