Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 682
MODICA - 25/07/2016
Cronache - L’episodio era avvenuto domenica scorsa

Furto alla piscina comunale di Modica: 2 denunce

Si tratta di un vittoriese e di un minorenne Foto Corrierediragusa.it

La polizia di Modica, dopo un’intensa attività d’indagine, ha scoperto gli autori del furto che qualche giorno fa era stato commesso ai danni della piscina comunale di Modica: si tratta di M.M., 22 anni, di origini vittoriesi, noto alle forze dell´ordine per reati in materia di stupefacenti e per reati contro il patrimonio, senza fissa dimora, e del minorenne modicano G. D., 17 anni, ex studente e ora disoccupato. I fatti risalgono a domenica scorsa quando i due amici, decidendo di procurarsi in modo facile dei soldi, prendevano di mira la piscina comunale di Modica. Quindi, con un piede di porco forzavano la porta e, una volta entrati all’interno, iniziavano a saccheggiare il distributore delle bevande posto nella reception, scardinandolo e danneggiandolo, asportandone dal cassetto la somma di 300 euro circa in monete. Non contenti, i due si appropriavano anche di un notebook ed un monitor poggiati sul bancone, ignari della circostanza che il locale era dotato di sistema di videosorveglianza. La polizia immediatamente acquisiva le riprese, riconoscendo subito il noto vittoriese M.M., mentre sull’altro giovane venivano avviate le indagini volte alla sua identificazione.

L’attività investigativa dava subito i suoi frutti poiché a pochi giorni di distanza dal furto M.M., che non ha un domicilio fisso, veniva rintracciato e, grazie ad una carta di credito intestata al minorenne G.D., di cui il vittoriese veniva trovato in possesso, la polizia giungeva all’identificazione anche del secondo complice.

A seguito delle risultanze investigative, la polizia di Modica ha denunciato M.M. alla procura di Ragusa e il minorenne G.D. alla competente procura per i minorenni di Catania perché entrambi responsabili del reato di furto aggravato in concorso e segnalato anche M.M. alla prefettura di Ragusa per detenzione di stupefacente per uso personale, poiché durante la perquisizione personale lo stesso veniva trovato in possesso di un involucro.