Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 631
MODICA - 20/07/2016
Cronache - La giovane se l’è cavata con ferite lievi

22enne "miracolata" dopo incidente stradale

La prognosi per la guidatrice è stata di 19 giorni Foto Corrierediragusa.it

L´auto si ribalta e la giovane alla guida, decisamente "miracolata", se la cava con ferite lievi. Vittima dell´incidente stradale autonomo è una 22enne modicana, M.A., che, al volante di una Fiat Grande Punto, stava percorrendo martedì sera contrada Musebbi. Improvvisamente, per cause da stabilire, la ragazza ha perso il controllo del mezzo, finendo contro il muro che delimita l´arteria. L´auto incontrollata ha fatto tre testa coda e poi si è ribaltata. Nonostante tutto, la giovane è riuscita ad uscire dall´abitacolo del veicolo mentre alcune persone le prestavano i primi soccorsi. Sono intervenuti i vigili del fuoco e l´ambulanza del 118. Trasportata al pronto soccorso, la 22enne è stata giudicata guaribile in 19 giorni.

ALTRO INCIDENTE IN CONTRADA MAUTO
Un incidente stradale che poteva essere molto grave quello verificatosi martedì pomeriggio sulla ex provinciale Modica-Giarratana, in contrada Mauto. Per cause in corso di accertamento da parte del nucleo di pronto intervento della polizia locale di Modica, si sono scontrati un ciclomotore, che proveniva da una strada secondaria, condotto da A.M., 15 anni, che trasportava la 13enne C.T., e una Fiat Punto alla cui guida era il 46enne M.C.. Con l´uomo viaggiava anche la moglie, A.L., 48 anni. L´utilitaria, dopo avere sfiorato il ciclomotore, è andata a sbattere contro un muretto a secco e poi si è ribaltata. Le 4 persone coinvolte sono stati trasferite in ambulanza al pronto soccorso del "Maggiore". I due minori sono stati giudicati guaribili in 10 giorni ciascuno, i due coniugi se la caveranno in una settimana. Oltre alle infrazioni comminate dalla polizia locale, è stato posto sotto sequestro amministrativo per 60 giorni il ciclomotore.