Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 648
MODICA - 16/07/2016
Cronache - L’attività del primo semestre 2016

Denunciate 29 persone dal Nope della polizia locale

Nonostante la carenza di organico i risultati sono ottimali Foto Corrierediragusa.it

Sono state 29 le persone denunciate nel primo semestre del 2016 dal Noper della polizia locale di Modica. Complessivamente il Nucleo Operativo di Polizia Edilizia ed Ecologia, diretto dall’Ispettore Giuseppe Gintoli, ha espletato 359 pratiche di cui 31 di polizia giudiziaria e 311 di natura amministrativa. Quindici sono state le deleghe d’indagine assegnate dalla Procura della Repubblica di Ragusa. Sono stati, invece, tre i sequestri penali ed amministrativi riguardanti immobili o impianti oggetto di irregolarità urbanistiche. Nei primi sei mesi dell’anno il reparto specializzato della «Locale» ha effettuato 203 sopralluoghi, 107 controlli per le ottemperanze di ordinanze su urbanistica, protezione civile ed ecologia, 101 i controlli e le verifiche per attività specificatamente edilizia mentre 51 sono state le pratiche inerenti la scerbatura. Elevati, infine, 56 verbali amministrativi per infrazioni alla legge regionale 27/86 e al regolamento edilizio comunale.

«Dal prospetto – spiega il comandante Rosario Cannizzaro (foto) – emerge la grossa mole di lavoro che il Nope svolge con appena due unità in organico. Si tenga presente che nell’intero periodo trattato i due colleghi sono stati anche convocati presso il Tribunale di Ragusa nella qualità di testi per i procedimenti giudiziari in corso. Mi sento in obbligo di complimentarmi con il Nucleo per l’alta professionalità che mette in campo nel corso dell’attività che, spesso, proprio per l’esiguità di organico - conclude il comandante - li costringe a lavorare anche fuori dal normale servizio, e spesso in ore notturne».