Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1433
MODICA - 31/05/2016
Cronache - A chi fanno gola quelle centinaia di ettari di terreni?

Ronde di delinquenti avvelenano alberi secolari

Una vera ecatombe che persegue uno scopo ben preciso: far deprezzare il valore dei terreni Foto Corrierediragusa.it

A chi fanno gola gli ettari di terreni coltivati a carrubi e olivi secolari e che si estendono per decine di chilometri quadrati da Modica a Pozzallo, fino al resto del litorale ibleo e alle campagne limitrofe? A persone senza scrupoli che non esitano ad avvelenare con un mix di sostanze chimiche le branche ed i tronchi degli alberi che vengono fatti sparire nel vano intento di nascondere o ridimensionare lo scempio agli occhi distratti delle persone o della maggior parte degli inconsapevoli proprietari. Il singolare e preoccupante fenomeno criminale, cominciato un paio d’anni fa, è proseguito inesorabilmente fino ad oggi con un intensificarsi di ronde di non meglio specificati soggetti che, si aggirano furtivamente per le campagne di giorno e di notte, organizzate in veri e propri «gruppi di lavoro» che violano in maniera sistematica la proprietà privata, entrando di nascosto nelle proprietà dei residenti. I componenti di queste ronde aggrediscono gli alberi, versando direttamente sui tronchi sostanze acide e disseccanti, al fine di «bruciarne» la corteccia e provocando l’inevitabile morte dell’intera pianta, che alla fine risulterà nera e dissecata. Oppure i soggetti procedono con «iniezioni» di disseccanti sistemici, a base generalmente di glifosate, sulle parti giovani della pianta, in modo tale da immettere in circolo tale «veleno» il quale progressivamente ne riduce il vigore fino alla morte.

Un esempio emblematico è quello di un albero dal grosso tronco letteralmente tagliato a metà dall’interno (vedere la foto sopra e quella in fondo all´articolo, su quest´ultima cliccate per ingrandire). Un mix letale, che, nei fatti, riduce gli alberi a carcasse scure prive di fronde, corteccia e foglie, con i tronchi ricurvi e spaccati in più parti dall’azione degli acidi, di cui alla fine del processo non ne rimane che il ricaccio, visto che nottetempo, quel che ne rimane viene portato via per non lasciarne traccia. Uno spettacolo impressionante che ricade, così a vista, su di un’area di oltre 400 ettari a macchia di leopardo e che sta colpendo migliaia di carrubi ed olivi, per un danno di centinaia di migliaia di euro dato dalla mancata produzione di decine di milioni tra carrube e olive, senza contare il gravissimo danno all’ecosistema e al contesto rurale che tra l´altro ricade in parte sotto vincolo paesaggistico.

Una vera ecatombe che persegue uno scopo ben preciso: far deprezzare il valore dei terreni e provocare ingenti perdite economiche ai coltivatori costringendoli all’abbandono dell’attività. Ma perché questi terreni sono così importanti per qualcuno? Diverse le ipotesi al momento: dall´interramento dei rifiuti, anche speciali e pericolosi (come la «terra dei fuochi» in Campania), al riparo da occhi indiscreti e risparmiando una fortuna sui costi di smaltimento, alla speculazione edilizia selvaggia su terreni ormai privi di valore agronomico. Già qualche mese fa il Movimento 5 Stelle aveva evidenziato l’inquietante fenomeno, ma il grido d’allarme è finora rimasto lettera morta, sommerso dal silenzio assordante delle istituzioni. Eppure la desolante scia di carrubi e ulivi irrimediabilmente distrutti continuano ad essere sotto gli occhi di tutti.