Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 529
MODICA - 26/04/2016
Cronache - Operazione della polizia locale

Lavori abusivi: 3 denunce e immobile sequestrato

L’area ove insiste l’ insediamento edilizio ricade in zona soggetta a vincolo paesistico Foto Corrierediragusa.it

Operazione del nucleo operativo di polizia edilizia in contrada Finocchiara-Cava Ispica che ha portato al sequestro di una struttura di proprietà di G.G., 52 anni, per opere consistenti nella demolizione e parziale ricostruzione di un fabbricato rurale preesistente (da destinare a ristorante), a servizio dell’attività di un Agriturismo, in difformità alla Concessione Edilizia Suap e al Nulla Osta della Soprintendenza di Ragusa. L’intervento del Nucleo specializzato della polizia locale di Modica è scaturito da una segnalazione della Soprintendenza. All’atto della ricognizione dei luoghi, effettuata alla presenza della ditta proprietaria, è stata rilevata l’esistenza di un corpo di fabbrica in corso di costruzione (da destinare a ristorante), costituito da una base di fondazione in cemento armato nonché di una struttura portante in cemento armato, formata da una serie di 22 pilastri (disposti lungo il perimetro) e da cordoli di coronamento, che determinano un’altezza complessiva della struttura medesima di 4,50 metri circa. In una porzione del costruendo corpo di fabbrica pari a una superficie di 168 mq, era stato realizzato un solaio in cemento armato con un’apertura nella parte centrale, e una scala in cemento armato costituita da tre rampe.

Lateralmente al corpo di fabbrica, sono state altresì rilevate opere in cemento armato finalizzate alla realizzazione di una tettoia, consistenti in atto nella posa in opera di travature di fondazione e da sei pilastrini allineati sul lato esterno del costruendo manufatto. Dette opere, interessano un’area di 132 metri quadrati, ubicata in aderenza della struttura principale. Dai rilievi effettuati e dagli accertamenti esperiti, considerato lo stato di avanzamento del cantiere, è emerso che le summenzionate opere edilizie abusive, con particolare riferimento al corpo di fabbrica principale, derivante dalla totale demolizione di un fabbricato rurale preesistente di pari superficie (costruito in data antecedente all’anno 1967), nonché dalla sua parziale ricostruzione.

L’area ove insiste l’ insediamento edilizio, ricade in zona soggetta a vincolo paesistico, con riferimento al Decreto Assessoriale n. 1767 del 12/08/2010 – Piano Paesistico – Area sottoposta a vincolo di Tutela 3; nonché a tutela del Sito d’Interesse Comunitario (Sic) n. 080007. A carico del proprietario, del tecnico di fiducia, A.C., 47 anni, e del titolare dell’impresa esecutrice dei lavori, G.C., 35 anni, tutti modicani, è stata inoltrata la comunicazione notizia di reato alla procura. Il cantiere, compresi i ponteggi metallici e le attrezzature di carpenteria che si trovavano all’interno, è stato sottoposto a sequestro preventivo di polizia giudiziaria.