Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 787
MODICA - 18/03/2016
Cronache - Il fattaccio del marzo 2011

Bimba travolta dal treno, genitori assolti in cassazione

Chiusa in via definitiva la vicenda giudiziaria Foto Corrierediragusa.it

La Cassazione ha assolto i coniugi Vasile e Cati Memetel, di 33 e 31 anni, genitori della piccola Larissa, la bambina rumena residente a Modica, investita da un treno sulla tratta ferrata tra Sampieri e Marina di Modica cinque anni fa. I giudici di terzo grado hanno annullato, senza rinvio, perché il fatto non sussiste, la sentenza della Corte di Assise e di Appello di Catania. Il 9 marzo del 2011 la piccola Larissa Memetel, di 6 anni, fu travolta ed uccisa, in prossimità di Marina di Modica, dalla motrice del treno diretto a Siracusa. La Corte di Assise di Siracusa, cui il gup dell´allora tribunale di Modica aveva rinviato il caso, dopo ampia e approfondita istruttoria anche dibattimentale che aveva permesso di accertare una pregressa deformazione del predellino che aveva colpito la piccola che passeggiava sulla linea ferrata, rese ampia ed assolutoria sentenza nei confronti dei genitori pure presenti lungo la linea ferrata.

Il procuratore propose appello che fu accolto dalla prima sezione della Corte di Assise di Appello di Catania che nel mese di febbraio del 2014 ribaltò la sentenza assolutoria di primo grado, condannando lo scorso mese di luglio i due coniugi rumeni per abbandono di minore aggravato e in concorso, alla pena di due anni due di reclusione ciascuno, con la sospensione condizionale della pena. Ora la cassazione mette fine alla vicenda penale assolvendo definitivamente i genitori della piccola Larissa.