Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 594
MODICA - 17/02/2016
Cronache - Prese di mira le zone rurali

Ancora una media inquietante di furti in periferia a Modica

Fissato un vertice col prefetto Foto Corrierediragusa.it

Contrade periferiche ancora sotto assedio da parte di ladri e malintenzionati a Modica. L’ultimo colpo in ordine di tempo si è verificato ai danni di un’abitazione di contrada Scardacucco. Sempre in zona un malintenzionato in sella ad un motorino, alla vista di una pattuglia dei carabinieri, è fuggito a piedi per i campi facendo perdere le tracce. Non a caso il ciclomotore è risultato essere rubato. Ma altre sgradite «visite» dei ladri le avevano subite in pochi giorni anche i residenti della vicina contrada Piano Ceci e delle popolose zone di Quartarella , Zappulla e Guadagna. Un autentico fenomeno criminale che ha gettato nel terrore i residenti, che preferiscono restare tappati in casa, con porte e finestre ben chiuse, piuttosto che lasciare incustodite le rispettive abitazioni, anche solo il tempo di fare la spesa, per lo spauracchio di essere derubati. Alcuni tra i più coraggiosi ed esasperati organizzano anche delle ronde notturne: in pratica cittadini armati di spranghe o bastoni vigilano sulle zone dove risiedono per scoraggiare eventuali malintenzionati. Un vertice col prefetto è stato convocato nei prossimi giorni per fare il punto della situazione ed intensificare i controlli delle forze dell’ordine, a loro volta alle prese con i cronici problemi della carenza di organico. Eppure i residenti invocano maggiore sicurezza e pattugliamenti costanti, pretendendo risposte concrete che restituiscano serenità alla cittadinanza. Tra furti e tentati furti se ne contano oltre una ventina in poco più di due settimane.