Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 871
MODICA - 08/01/2016
Cronache - Operazione antidroga della polizia

Trasportava eroina con gli incensurati: 3 arresti

In manette un marocchino e due pozzallesi Foto Corrierediragusa.it

Siccome lui era ben noto per reati di droga, aveva escogitato lo stratagemma di farsi accompagnare da persone incensurate di cui si serviva per trasportare eroina nei suoi frequenti viaggi a Palermo. Questo accorgimento però non è servito granché al marocchino Mustapha Rheydouni, 46 anni, dal momento che è comunque finito in manette, per di più inguaiando pure i suoi due complici, pure loro arrestati dalla polizia. Si tratta degli incensurati Vincenzo Figura e Nicolò Buscemi, entrambi pozzallesi, rispettivamente di 29 e 30 anni. I tre sono stati «pizzicati» nel piazzale di sosta dei bus Falcone Borsellino, al ritorno da Palermo dove si erano riforniti di droga da spacciare a Pozzallo e dintorni. Per evitare di essere beccato con la droga nell’ambito di una perquisizione personale, il marocchino faceva trasportare lo stupefacente ai complici sconosciuti alle forze dell’ordine e che quindi non avrebbero dovuto dare nell’occhio. Ma il nervosismo per la presenza degli agenti ha fatto scoprire gli altarini: addirittura Figura, che attendeva i complici all’interno della propria Nissan Micra parcheggiata nel piazzale, vistosi scoperto ha eluso l’alt, tentando anzi di investire un poliziotto che si è scansato all’ultimo istante. Il giovane è stato poi bloccato da una volante dopo un breve inseguimento nel centro storico e arrestato per favoreggiamento personale e resistenza a pubblico ufficiale.

Rheydouni e Buscemi devono invece rispondere di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Il terzetto è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa a disposizione dell’autorità giudiziaria. Se immessa nel mercato nero dello spaccio al minuto l’eroina avrebbe fruttato ai pusher un guadagno di diverse decine di migliaia di euro. La droga è stata dunque posta sotto sequestro (foto).