Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1366
MODICA - 01/12/2015
Cronache - La polizia ha arrestato i 2 malviventi

Presa la banda degli "svaligioni"

Gli arresti grazie alla pronta segnalazione di un attento residente Foto Corrierediragusa.it

La banda degli "svaligioni" alleggeriva di oggetti preziosi non solo case, ma anche alberghi. L´ultimo colpo all´hotel "Dodeskaden" di Modica Alta è stato però «fatale» per la coppia di ladri tunisina, arrestata dalla polizia. Le manette sono scattate per Samer Helel, 35 anni, e per Anis Zaouli, di 30, colti nella flagranza del reato di furto aggravato nell´albergo del centro storico di Modica Alta. I due avevano fatto razzia nel nuovo albergo sito nei pressi della chiesa di San Giorgio, ancora non aperto al pubblico perché in fase di completamento, ed avevano approfittato dell’oscurità della notte per mettere a punto il loro piano criminoso, senza però fare i conti con l’occhio vigile di un residente che, allarmato dalla presenza dei due in quella zona, in un orario notturno inconsueto, aveva subito telefonato in commissariato. I poliziotti sono subito intervenuti, iniziando quindi a perlustrare le stanze dell’albergo e scovando subito uno dei due, ovvero Helel, che ha tentato invano di fuggire. Alla vista degli agenti, invece, il complice si è lanciato da una porta finestra, dandosi alla fuga per i vicoli e facendo perdere le proprie tracce. Tuttavia la polizia, riconoscendo subito il fuggitivo come Zaouli, già noto per i suoi precedenti penali, è andata ad attenderlo in casa dopo poco dopo l´uomo ha fatto rientro.

I due malviventi avevano già smontato dalle pareti tre televisori a schermo piatto di ultima generazione. Samer Helel, che già si trovava sottoposto agli arresti domiciliari, dovrà dunque rispondere, oltre che del reato di furto aggravato in concorso con Zaouli, anche del reato di evasione e resistenza a pubblico ufficiale.