Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 620
MODICA - 21/09/2015
Cronache - Li ha definiti "ladri autorizzati". Ora c’è un esposto querela

Modicano prende la multa e insegue gli ausiliari!

Da viale Medaglie d’Oro fino alla sede della polizia locale in corso Umberto l’uomo non li ha mollati Foto Corrierediragusa.it

Non si era mai visto un automobilista talmente imbufalito per aver preso la multa al punto da insultare senza remore due ausiliari della sosta per quasi un chilometro a piedi! L’insolito episodio costato la denuncia querela all’iracondo modicano 50enne si è verificato la scorsa settimana in viale Medaglie d’Oro e ha visto loro malgrado coprotagonisti due ausiliari della sosta, un uomo e una donna, che si occupano del controllo delle zone blu a pagamento. L’uomo aveva parcheggiato negli stalli senza aver apposto sul cruscotto dell’auto il tagliando. Da qui la multa. Appena l’automobilista si è accorto della circostanza, apriti cielo! Il 50enne ha prima discusso con l’ausiliario uomo e poi pure con la collega donna giunta in soccorso. Non riuscendo a far ragionare l’automobilista accecato dall’ira, i due ausiliari si sono recati a piedi fino alla sede del comando della polizia locale in corso Umberto I per esporre i fatti. Ma nel tragitto, lungo circa un chilometro, hanno avuto alle calcagna l’automobilista imbufalito che urlava contro di loro frasi irriferibili ed ingiuriose, oltre a definirli più volte dei «ladri autorizzati», tra lo stupore e l’incredulità dei passanti.

Comprensibile l’imbarazzo dei due ausiliari della sosta, che, come accennato, hanno presentato un esposto querela a carico dell’automobilista tramite l’avvocato di fiducia, con la riserva di costituirsi parte civile nel procedimento penale che sarà incardinato al tribunale di Ragusa.