Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 501
MODICA - 22/08/2015
Cronache - Disavventura a lieto fine per una 43enne modicana

"Equivoco" al pronto soccorso di Modica

Il singolare fatto originato dall’affollamento della struttura e dalla carenza di organico Foto Corrierediragusa.it

Una 43enne modicana si presenta al pronto soccorso dell’ospedale «Maggiore» (foto) per delle lesioni al ginocchio causate da un caduta e, dopo una lunghissima attesa, si presenta una infermiera con l’intenzione di somministrarle una flebo. La donna, M.T. le iniziali, basita e pure un po’ intimorita, chiede conto e ragione della flebo e l’infermiera risponde che erano stati riscontrati del piccoli problemi ai reni. Considerato che la donna si era presentata al pronto soccorso per una sospetta frattura, non riusciva a capire cosa c’entrassero i reni, per i quali non aveva mai accusato disturbi. Di lì a poco, dopo la ferma intenzione della 43enne di opporsi alla flebo, i nodi sono venuti al pettine: si era trattato si un equivoco. In sostanza la donna era stata scambiata per un’altra paziente e, quel che è peggio, si erano per giunta perse pure le lastre fatte al ginocchio!

Per fortuna tutto si è chiuso lì e la circostanza è stata spiegata parzialmente con l’intasamento del pronto soccorso, subissato da utenti nei giorni immediatamente successivi a ferragosto e che ha causato qualche disagio, anche a causa del personale ridotto.